Maturità, Di Maio: «Scelsi Europa, poi vacanza a Palinuro»

2198
Infante viaggi

«Io ho fatto il liceo classico: uscirono italiano, greco, terza prova e orale». Così Luigi Di Maio su Skuola.net. «Feci la traccia sull’Europa, un tema oggi attualissimo. Era il 2004, eravamo entrati nell’Euro da poco tempo, si discuteva dell’identità dell’Unione europea: credo nel progetto ma non era ancora l’Europa dell’austerity, fino a quel momento c’era grande fiducia, anche da parte dei giovani, poi l’abbiamo conosciuta per i limiti imposti» continua il vicepremier. Quello della maturità «fu un esame in cui avevo prof fantastici, li amavo, ci insegnavano tanto. Avevo un prof di filosofia appassionato di politica. Decisi di fare l’esame di stato con la giacca ma senza cravatta. Tutti i prof mi chiesero perchè con la giacca? Ricordo che mi chiamò il prof di filosofia e mi disse che li aveva indisposti la giacca…io cercai di fargli capire che ero andato così per rispetto. Mi terrorizzai ma in realtà il prof scherzava», ha raccontato il vicepremier.

«L’estate successiva la feci con i miei amici ma comunque sempre nel Cilento, a Palinuro, è incantevole. Quella sembra una estate spensierata ma è quella in cui ti fai tante domande. Godetevi l’esame, fatelo con serietà ma godetevelo, probabilmente poi lo rimpiangerete». «Non sogno la maturità ma le interrogazioni di matematica: la mia docente era bravissima ma esigente».

  • Petrolfer srl
  • Scait consulenza alle imprese

©Riproduzione riservata