• Home
  • Cronaca
  • Rivolta a Lentiscosa per il blocco delle poste. I cittadini: “Temiamo la chiusura. Non ci danno la pensione”

Rivolta a Lentiscosa per il blocco delle poste. I cittadini: “Temiamo la chiusura. Non ci danno la pensione”

di Luigi Martino

Da questa mattina, a Lentiscosa (frazione di Camerota), una cinquantina di cittadini tengono un presidio davanti all’ufficio postale, denunciando il disservizio per l’erogazione delle pensioni e per altre operazioni di trasmissione. "Ci dicono che non funziona un computer – raconta al giornaledelcilento Mimmo Ciociaro che insieme agli altri porta avanti la protesta – ma puntualmente ai rimandi non corrisponde l’attivazione del servisio. Già dal mese di agosto – aggiunge – l’ufficio postale funziona un giorno si e l’altro no. Oggi siamo in questa incresciosa situazione. Dal primo di settembre gli uffici non svolgono le prestazioni richieste da noi cittadini. Ci dicono che si tratta di un problema tecnico, di un problema legato al funzionamento di un computer. I dipendenti ci informano che deve arrivare il tecnico per ripristinare la situazione. Quindi rinviano sistematicamente, ma questo tecnico non arriva mai. Oggi vogliono rinviare nuovamente a giovedì. Ma noi non crediamo più a queste promesse. Se la situazione non viene ripristinata, da qui non ci muoviamo". I cittadini di Lentiscosa, sono determinati a portare avanti la protesta, si sentono marginalizzati rispetto a servizi essenziali come quello dell’erogazione della pensione: "Con noi – continua Ciociaro – ci sono persone anziane. E’ gente che vive esclusivamente di queste risorse. Viene di buon mattino presso questi uffici, già dalle 6 per farsi trovare pronti a ritirare la pensione. Ma dopo che abbiamo segnalato questo disservizio ormai da giorni, non riceviamo che rinvii puntualmente e sistematicamente disattesi. Sono giunte anche le forze dell’ordine – spiega – hanno cercato di mediare ma anche loro ribadiscono la necessità di rinviare a giovedì. Qualcuno del personale ci invita ad andare a ritirare la pensione negli uffici di Marina di Camerota, ma per noi sarebbe fatale. Temiamo che una volta compiuta quest’ennesima azione si determina la chiusura di un servizio così importante. Sappiamo che oggi il sindaco, dopo 8 giorni di disservizio ha mandato un telegramma alle poste. Hanno impiegato otto giorni per accorgersi e per limitarsi a questa comunicazione. Qui non abbiamo visto nessuno dell’amministrazione". L’opposizione di Camerota, rappresentata dal consigliere Ciro Troccoli denuncia lo stato di agitazione e chiede l’immediata attivazione da parte del sindaco: "Siamo vicini ai cittadini di Lentiscosa che stanno vivendo questo momento di difficoltà. Semplicemente chiediamo al sindaco l’immediata attivazione per risolvere questo problema. Nel caso questo non dovesse accadere ci impegniamo noi, come gruppo di minoranza, a compiere tutte quelle azioni che si riterranno opportune per riportare gli uffici postali di Lentiscosa al ripristino delle normali attività.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019