Abbandono rifiuti: multe salate

di Federico Martino

Continua in maniera inflessibile l’azione di prevenzione e contrasto della polizia locale di Capaccio Paestum, agli ordini del comandante Antonio Rinaldi, in ordine alla lotta all’abbandono dei rifiuti sul territorio, un fenomeno indecoroso che l’Amministrazione comunale sta cercando di debellare.
Alcune zone isolate, infatti, sono diventate delle microdiscariche a cielo aperto in virtù della diffusa quanto incivile abitudine di scaricare i rifiuti sul suolo pubblico fuori dai contenitori appositamente allocati nelle isole ecologiche.
In tre giorni di appostamenti, in località Chiorbo, grazie al pronto intervento degli agenti e alle telecamere di videosorveglianza installate nei pressi della locale piazzola ecologica, sono state identificate ben 130 persone, di cui oltre la metà non residenti, ovvero provenienti dai comuni limitrofi ma che non si fanno scrupoli nel raggiungere  il Comune di Capaccio per scaricare i rifiuti ti ogni tipo aggravando, di fatto, i costi di smaltimento a carico dell’ente.
Nei confronti di una ventina di queste persone, sono state elevate contravvenzioni per violazioni all’ordinanza sindacale n. 3 del 01/01/2010 (pari ad Euro 500,00), nonché per violazione del codice della strada (Euro 100,00), per un totale di Euro 600,00 per ogni infrazione accertata, per un totale complessivo di Euro 12.000,00.
Il servizio mirato continuerà senza interruzioni, 24 ore su 24, ed interesserà altre zone “a rischio” del comune: “tolleranza zero” è la parola d’ordine applicata dal comandante Rinaldi su direttiva del sindaco Pasquale Marino e dell’intera Amministrazione comunale.
“Sono soddisfatto dei risultati fin qui conseguiti della polizia locale, che sta svolgendo e continuerà a svolgere in maniera costante – spiega il primo cittadino capaccese – tutte le azioni possibili per non dare tregua agli incivili che si rendono scellerati protagonisti di atti indecorosi e deprecabili, esponendosi a sanzioni pesantissime. Agli sconsiderati che, soprattutto se provenienti da altri comuni, pensano di fare i furbi venendo a sporcare e a scaricare rifiuti a Capaccio, dico che non gli daremo tregua, che prenderemo dalle loro tasche, con contravvenzioni e multe salatissime, i soldi per smaltire l’immondizia che vengono a depositare nel nostro comune, provvedendo, nei casi più gravi, ad elevare denunce alle autorità giudiziarie. Infine, ricordo alla popolazione che è attiva e ben funzionante l’isola ecologica di Varolato, per smaltire in maniera totalmente gratuita ogni tipo di rifiuto, soprattutto scarti ed ingombranti”.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019