Palestre chiuse, parrucchieri aperti: sì al calcio dilettantistico. Le misure del Dpcm

di Luigi Martino

Il premier Giuseppe Conte ha firmato nella notte il DPCM con le nuove misure restrittive anti Covid. Le nuove misure, valide da domani, resteranno in vigore fino al 24 novembre. Confermato che le attività dei servizi di ristorazione (bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie) sono consentite dalle 5 alle ore 18. Quattro le persone al tavolo, salvo che siano tutti conviventi, mentre dopo le 18 e’ vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza. Per contrastare la diffusione del contagio, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari almeno al 75 per cento. Riguardo ai trasporti è fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi. Restano liberi gli spostamenti tra regioni. Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per quelli con presidio sanitario obbligatorio o che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza. Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casino’; Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto”.

©Riproduzione riservata