Palinuro, il Gal Casacastra porta ai Comuni il progetto ‘Musei in rete’

Infante viaggi

di Luigi Martino

La sala dell’ex Casa Canadese di Palinuro è gremita. «Non ci aspettavamo una presenza così massiccia, altrimenti avremmo optato per una sala più grande» ironizza il sindaco di Centola, Carmelo Stanziola. L’amministrazione da lui guidata (presenti tra gli altri in sala il vicesindaco Silverio D’Angelo e l’assessore Angela Ciccarino) ha ospitato il primo incontro divulgativo del progetto ‘Musei in rete‘ promosso dal Gal Casacastra. Prima di aprire il tavolo dei lavori, il presidente del Gal, Pietro Forte, ha consegnato gli ultimi decreti della Misura 751 per un totale di oltre 1,2 milioni di euro incassando la grande soddisfazione degli amministratori.

  • Assicurazioni Assitur

Al tavolo dei relatori, oltre agli amministratori sopracitati, Mario Scarpitta, sindaco di Camerota e vicepresidente del Gal; Vincenzo Speranza, sindaco di Laurito e presidente della Comunità montana Bussento, Lambro e Mingardo; Pietro Cerullo, presidente del Consorzio Cilento di Qualità; Cono D’Elia, vicepresidente del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni; Pietro D’Angiolillo, sindaco di Ascea. E poi amministratori dei comuni di Celle di Bulgheria, San Giovanni a Piro, Roccagloriosa e tanti altri centri del Cilento. Dagli gli interventi dei presenti è emersa la volontà condivisa di abbattere gli ultimi fenomeni campanilstici che restano in piedi e trasformare il Cilento in un grande museo a cielo aperto. Il Gal ha mostrato ai presenti l’idea di progetto e il presidente Forte ha invitato tutti a suggerire modifiche e idee.

Assicurazioni Assitur