Morti bianche, altra vittima

di Federico Martino

Tutto cominciò il 29/12/2010 ossia 5 giorni fà, l’uomo, che lavorava in località Palorcio a Palinuro, stava su di una struttura priva di protezione ad un altezza di circa 4 metri. Forse a causa di un malore o semplicemente per un piede messo in fallo, Veneroso cade e all’arrivo dei soccorsi si nota subito la gravità dell’incidente. L’uomo, Veneroso Francesco di 64 residente a Pisciotta, è in stato comatoso. Viene portato immediatamente al S.Luca di Vallo dove viene ricoverato in prognosi riservata. La diagnosi è grave trauma cranico encefalico. Purtroppo Francesco non ce la fà e il 31 dicembre alle 14:00 muore. Un ennesima morte bianca, morte dovuta all’incuria dell’uomo ad un minimo di sicurezza, a volte basta una cintura, un casco, un impalcatura meno approssimata e non si perdono vite di persone che lavorano per poter vivere.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019