Pronto un dossier sul porto di Palinuro

di Federico Martino

Il porto di Palinuro non  è sicuro. La società consortile Palinuro Navigando invierà nei prossimi giorni un dettagliato dossier agli enti preposti alla mesa in sicurezza della struttura portuale .  Al grido di allarme lanciato dagli operatori all’indomani della violenta mareggiata si unisce quello della locale Capitaneria  di Porto.  “ Palinuro- non ha  un  porto  tecnicamente sicuro –   afferma Carmelo Buccarella  maresciallo in seconda. E’ impensabile- sottolinea  Buccarella procedere alla sistemazione di pontili galleggianti  cosi come richiesto dalla Regione Campania  senza  prima  mettere  in  sicurezza l’intera  struttura portuale. Buccarella che ha alle spalle ben  28 anni di attività lavorativa aggiunge “Palinuro-  non ha un vero e proprio porto è solo una rada naturale inidonea all’allestimento di boe.   

“Ci fa piacere –  ribadisce Felice Merola  presidente  della società consortile Palinuro Navigando impegnata in attività turistiche e di sviluppo  del porto – che al coro delle nostre perplessità si aggiunge anche la  voce autorevole  della Circomare di Palinuro a testimonianza  che la nostra preoccupazione  è fondata. I nostri dubbi -evidenzia Merola- sono in riferimento allo stato delle opere effettuate e progettate al Porto di Palinuro dalla Regione e non alla sicurezza  della navigazione che è di stretta competenza della Capitaneria di Porto.  Allo  stato i pontili che la Regione vorrebbe far istallare con una decisione  d’ufficio sono una follia- ribadisce Merola –  continuiamo a  non vederci chiaro.  Capita spesso – evidenzia il presidente di Palinuro Navigando -che in periodi pre- elettorali si combinino atti di forza che non rispondono all’interesse della comunità locale.

 Al porto di Palinuro operano  varie  cooperative ,tra barche  da pesca e di trasporto passeggeri di piccola e media stazza circa 70 unità, a cui si aggiungono officine meccaniche, rimessaggi, bar ristoranti , con circa 150  addetti e non meno di 100 famiglie beneficiarie con un indotto ben più alto. Il presidente di Palinuro Navigando lancio un appello “Unitamente a  Gerardo  Pepoli per la cooperativa Porto e di Ugo Sogliuzzo di Palinuro Service,  invitiamo gli enti preposti, a cui invieranno nei prossimi giorni un  "dossier" dettagliato, di tenere  ben conto della realtà operante nel Porto di Palinuro, confidando soprattutto  nell’ intervento  del Sindaco Romano Speranza  affinchè si renda promotore di un incontro per  derimere le nostre  preoccupazioni e per il bene della collettività.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019