• Home
  • Cronaca
  • Pedopornografia, condannato in secondo grado il sindaco di Rofrano

Pedopornografia, condannato in secondo grado il sindaco di Rofrano

di Luigi Martino

Avrebbe «cercato volontariamente siti pedopornografici» e successivamente avrebbe «scaricato immagini di minori» che, inoltre, «visionava e custodiva». Arriva la condanna di secondo grado per Nicola Cammarano, sindaco di Rofrano, arrestato a febbraio del 2015 – e tornato libero nella stessa giornata – per pedopornografia. All’epoca dei fatti la guardia di Finanza di Salerno, dopo analisi e perquisizioni nei pc del sindaco, riscontrò la presenza di «siti che proponevano immagini e video di bambini in posizioni erotiche».

Nella sentenza, depositata nei giorni scorsi, viene sconfessato l’operato del perito nominato dal tribunale durante il processo di primo grado, Roberto Merola, che per mancanza di chiarezza nel corso della sua deposizione, viene sostituito dalla Corte d’Appello dall’ingegnere Angelo Martini. Il nuovo perito ripetutamente sollecitato durante il processo di secondo grado, ha «categoricamente escluso che la navigazione di Cammarano sui siti pedopornografici e lo scarico di files ritraenti minori potessero essere stati involontari», così come sostenuto dalla difesa del primo cittadino. Le indagini hanno rinvenuto prove che risalirebbero nell’arco temporale che si protrae dal 2012 al 2015.

Secondo quanto appurato dagli inquirenti, sul pc di Cammarano c’erano video pedopornografici e 896 immagini ritraenti per lo più ragazzine e bambine che mostrano parti intime. La corte di Appello di Salerno ha confermato la condanna ad un anno ed ha trasmesso alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania gli atti nei confronti del consulente Merola in relazione al delitto di falsa perizia.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019