Polla, effettuati 400 tamponi tra malumori e polemiche. Sindaco: «C’è gente maleducata»

Infante viaggi

di Pasquale Sorrentino

Sono stati effettuati questa mattina 400 tamponi a Polla da parte dell’istituto Mediterraneo. Il tutto coadiuvato dalla protezione civile e dalla Polizia locale.  «Ringraziamenti al personale dell’istituto per l’ottimo lavoro svolto», ha dichiarato il sindaco Rocco Giuliano. Ma il primo cittadino è anche irritato. Infatti si sono presentati a effettuare il tampone categorie non previste (alle quali è stato fatto), sia per mancato senso civico sia per «chiamate» dell’ultimo momento da chi ancora non si sa. Ma ci saranno accertamenti. «C’è gente maleducata e non rispetta gli altri cittadini. Le categorie erano ben chiare così come gli orari, ma qualcuno ne ha approfittato togliendo il diritto a persone che invece ne godevano a pieno. Su questo mi farò sentire e farò accertamenti, mi scuso con chi non lo ha potuto fare ma prometto a breve tempo verranno effettuati i tamponi».

Tagliati fuori dai test soprattutto chi lavoro nei negozi alimentari che avevano appuntamento alle 13.30 per la chiusura degli esercizi commerciali. In molti, tra le categorie “tagliate” fuori, comunque si sono lamentati in molti per il mancato rispetto di quanto deliberato dal comune. Questa la testimonianza di uno dei commercianti. «Sono arrivato al mio turno, intorno alle 13.40, – racconta un commerciante – non è stato possibile effettuare il tampone in quanto mi hanno riferito che erano terminati. Sono arrivato cinque minuti prima dell’orario della convocazione ufficiale, come da documento ufficiale e ho fatto l’amara scoperta. Chiedo agli organi competenti perché i tamponi sono finiti prima del tempo e se è stato seguito l’ordine di convocazione ufficiale che ci era stato comunicato in precedenza».

©Riproduzione riservata

  • assicurazioni assitur
assicurazioni assitur