• Home
  • Cronaca
  • Grande Lucania, Sala Consilina approva il quesito referendario

Grande Lucania, Sala Consilina approva il quesito referendario

di Federico Martino

"Se nei primi 200 giorni del nostro programma abbiamo sconfitto l’inerzia dolente e fatalista che contagia le popolazioni meridionali, oggi abbiamo annientato gli scettici variopinti, incapaci di elaborare qualsiasi idea, anche la più stravagante, perché succubi di un’insolente vacuità.
Vogliamo arrivare a 20 delibere consiliari da presentare alla Cassazione, deputata a decidere sulla data del Referendum, ma è necessario che per rafforzare l’unità del Movimento Grande Lucania, anche Sala Consilina indichi nel magistrato de Dominicis il rappresentante ufficiale innanzi alla Corte Suprema.
Siamo a quattro lunghezze dal traguardo, ma sappiamo che affrontiamo una corsa ad ostacoli, ancorché le sfide difficili risultano più esaltanti".
Ricorre ad una metafora sportiva Pasquale Scaldaferri (nella foto), portavoce nazionale Grande Lucania, per tracciare un bilancio sulla strategia operativa dell’associazione che intende ridisegnare i confini geografici con lo scorporo territoriale di Golfo di Policastro e Vallo di Diano.
La bandiera che si è alzata sul Municipio di Sala Consilina è quella della autonomia e della partecipazione democratica al grande progetto di distacco dalla Campania e aggregazione alla Basilicata.
La 16esima stella della Grande Lucania è nata più luminosa che mai e nella costellazione si va ad aggiungere agli altri 15 comuni che hanno già deliberato: Ascea, Atena Lucana, Auletta, Buonabitacolo, Caggiano, Casaletto Spartano, Casal Velino, Laurito, Montesano sulla Marcellana, Monte San Giacomo, Petina, Pisciotta, Sant’Arsenio, Sanza e Torraca.
"L’adesione di Sala Consilina al gruppo di testa dei comuni dell’area meridionale della provincia di Salerno, rappresenta un fatto storico di grandissimo rilievo civile e culturale -prosegue Pasquale Scaldaferri- Sala Consilina è il principale centro commerciale e industriale del Vallo di Diano ed il suo territorio confina con la provincia di Potenza. Un segnale, quindi, forte e chiaro".
Il movimento Grande Lucania, presieduto dal magistrato Raffaele de Dominicis, si prepara alla fase finale se l’intera area omogenea del Vallo di Diano seguirà l’esempio di Sala Consilina.
Intanto va segnalata la nascita di nuovi circoli di sostegno; si auspica, ormai, la partecipazione attiva anche dei comuni della Basilicata.
Nel prossimo mese di agosto il segretario generale della Grande Lucania, Luciano Ignacchiti, sta gia’ approntando in agenda manifestazioni a Sapri ed a Potenza per l’istituzione del segretariato generale presso il Consiglio regionale della Basilicata.

 

fonte: golfonetwork.it

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019