Regionali Campania, Costa: «Patto tra M5S e Pd»

Sergio Costa, ministro all'Ambiente e tutela del territorio
Infante viaggi

di Luigi Martino

«Più che un nome ora serve una sintesi di idee e progetti». «Il nome è una derivazione, prima occorre trovare il percorso». A parlare dell’investitura a candidato governatore della Campania è il diretto interessato, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. «Sono per il dialogo e per la sintesi – ha detto Costa in un’intervista a Il Mattino -. E se noi vogliamo costruire un laboratorio si deve parlare innanzitutto di programmi e di soluzioni per i cittadini e non di appartenenza politica: sono un servitore dello Stato e devo preoccuparmi del benessere del cittadino, di quali progetti voglio mettere in campo su sanità e scuola, ad esempio». Un progetto sul modello Pd-M5s? «Serve un patto in cui ci confrontiamo tutti assieme in nome dei valori e delle cose da fare per il bene dei campani e non per i partiti». Anche su un terzo nome che non sia Costa o De Luca? «Non sono un narciso e il nome è solamente una derivazione del percorso che dicevo prima». Il Governo? «Dura tranquillamente sino alla fine della legislatura» ha risposto Costa. 

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur