• Home
  • Politica
  • A Scampìa De Luca promette posti di lavoro, al suo fianco il sindaco di Capaccio

A Scampìa De Luca promette posti di lavoro, al suo fianco il sindaco di Capaccio

di Maria Antonia Coppola

Il sindaco di Capaccio Paestum, Pasquale Marino, ed i consiglieri comunali Carmine Caramante e Luigi Ricci, hanno preso parte, nel primo pomeriggio di ieri, presso le circoscrizioni municipali di Scampia e Secondigliano, all’incontro con i cittadini, in particolare i giovani, che l’on. Vincenzo De Luca, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Campania, ha tenuto nei due popolosi quartieri di Napoli.

“Da uomo di centrosinistra particolarmente legato all’amico Vincenzo De Luca – spiega il sindaco Marino – ho sentito subito il bisogno di stargli concretamente vicino in questa campagna elettorale per le Regionali, iniziata alla sua maniera ovvero a diretto contatto con la gente di due dei quartieri nevralgici e critici del contesto sociale regionale. Dichiaro apertamente, fin da ora, il mio personale ed incondizionato appoggio all’amico Vincenzo De Luca in questo percorso elettorale verso la presidenza della Regione Campania”.

Cinquantamila posti di lavoro. Li ha promessi, dal quartiere a rischio di Napoli Scampìa, il candidato presidente del centrosinistra alla Regione Campania Vincenzo De Luca. “Con pochi progetti di sviluppo, ma chiari e precisi in cui investire miliardi di euro – ha spiegato il sindaco di Salerno in un’affollata sala dell’hotel Fiorentina nel trafficatissimo corso Secondigliano. Dobbiamo essere ambiziosi e quindi puntare sul turismo nelle fasce costiere, nell’artigianato, nella formazione per i residenti della zona nord di Napoli, nelle cooperative sociali e nel sostegno sociale ai figli dei detenuti”. Insomma, un De Luca fuori dagli schemi di partito, utilizzando un linguaggio retorico e di presa diretta sull’elettore in quanto tale. “Dobbiamo puntare a ottenere la crescita economica della Cina popolare”, ha sbottato con una delle sue frasi ad effetto “anche se sembra impensabile, ma altrimenti che ci stiamo a fare?”.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019