• Home
  • Comuni
  • Castellabate
  • Resti del porto romano di San Marco di Castellabate: presto illuminazione subacquea

Resti del porto romano di San Marco di Castellabate: presto illuminazione subacquea

di Antonio Vuolo

Un progetto di valorizzazione per i resti del porto romano di San Marco di Castellabate. E’ uno degli obiettivi del Comune di Castellabate che intende ricorrere all’illuminazione subacquea dell’area. Il Comune, retto dal sindaco Marco Rizzo, ha approvato un progetto che prevede un investimento complessivo di 50mila euro, con il contributo anche della Regione Campania.

«E’ nei programmi dell’Amministrazione attuare un intervento finalizzato alla valorizzazione dei resti del porto romano risalente al I Secolo a.c. ancora oggi visibile alla radice del molo di sopraflutto del porto di San Marco con un intervento di illuminazione architettonica esterna subacquea che consenta di apprezzarne i particolari architettonici e ne incrementi il livello di sicurezza, in questo caso connesso con la navigazione» commenta il sindaco Rizzo. I resti del porto romano si possono ammirare a ridosso dell’attuale struttura portuale. Il porto romano di San Marco veniva considerato il principale scalo di approvvigionamento per le imbarcazioni dirette al porto di Miseno nonché base militare o sito di appoggio per la flotta imperiale.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019