Offerta 2023

Sala Consilina, tre consiglieri lasciano la maggioranza

| di
Sala Consilina, tre consiglieri lasciano la maggioranza

I consiglieri di Sala Consilina, Antonio Lopardo, Francesco Spinelli e Nicola Colucci lasciano la maggioranza e si dichiarano indipendenti dalla lista Sala Viva del sindaco Francesco Cavallone.

“È una scelta maturata lentamente ma in maniera ineluttabile, esternata già in qualche manifestazione di riunione di maggioranza, e non solo, in quanto a nostro parere è ‘un’amministrazione per pochi eletti’. Pertanto, ci dichiariamo indipendenti prendendo le distanze dal gruppo consiliare di maggioranza “SALA VIVA”, al quale siamo appartenuti fino ad oggi e per il quale gruppo ci siamo impegnati nelle rispettive deleghe assegnateci con onestà e con amore nell’attività amministrativa, mai rinnegando gli impegni assunti nell’ultima campagna elettorale e sempre favorendo in prima istanza gli interessi della Città di Sala Consilina. Distanze che dobbiamo, purtroppo prendere e al tempo stesso, con amarezza, registrare la tiepidezza con una parte del gruppo che lasciamo. mortificare

Tiepidezza diventata freddezza ad incominciare dalle posizioni e dai percorsi assunti che vedono la nostra immagine.

Essere amministratori comunali vuol dire avere un ruolo di prestigio all’interno della propria comunità, ma questa funzione, mai come oggi, si presenta sempre più difficile da svolgere. Questo importante ruolo, a cui dopo le elezioni del 2019 siamo stati chiamati ad assolvere come servizio alla comunità che con il voto ha premiato il nostro gruppo, richiede determinate capacità e, soprattutto, particolare senso di responsabilità. Pertanto, proprio facendo nostre tali consapevolezze, ci prestiamo ad illustrare in modo sintetico ciò che ha portato a questa decisione, dopo un’attenta e meditata riflessione. Il momento che stiamo vivendo, impone in modo ineludibile la presenza sul territorio comunale di un’amministrazione dinamica e attiva, che sia attenta, in modo particolare, nei confronti delle continue esigenze del propri cittadini e pronta ad interpretarne le necessità, oggi più che mai mutevoli. In un primo momento, Immediatamente successivo alla nostra elezione, abbiamo tentato di interpretare nel miglior modo possibile quanto precedentemente affermato e di amministrare, in ogni circostanza, con peculiare sensibilità e senso di abnegazione. In una fase successiva, a più riprese, abbiamo lamentato varie criticità, tra cui, in modo particolare, la carenza di comunicazione tra noi consiglieri comunali e il Sindaco (fatta eccezione per qualche componente). Non solo questo, ma anche la mancanza di coesione tra membri del gruppo “SALA VIVA” e la completa assenza di collanti comuni, che, sicuramente, ci avrebbero potuto permettere di amministrare in maniera più armoniosa e organica. Se non ci fossero state queste mancanze, probabilmente, amministrare in maniera più precisa, facendo ancor più l’interesse della nostra comunità, aspetto che a volte è mancato, a vantaggio di decisioni mono-laterali, assecondate in modo forse fin troppo passivo ma speranzoso anche da noi consiglieri.

Situazioni come queste fanno sopire peculiarità come l’entusiasmo e volontà, aspetti che hanno caratterizzato primi anni di amministrazione. Ritornando, ancora, sull’aspetto comunicativo, questo è stato quello che, probabilmente, ci ha più di tutto penalizzati, perché non è stato carente esclusivamente tra di noi, ma anche nei confronti dei nostri cittadini, poiché il ruolo che ricopriamo ci imporrebbe di ascoltarne le richieste quotidianamente e, ove possibile, provare ad accoglierle, in modo particolare in un periodo caratteristico come quello che stiamo vivendo oggi, segnato dalle conseguenze della pandemia, dalla guerra, e dall’inflazioni. In più di una occasione, purtroppo, abbiamo avuto la sensazione che, invece, avessimo erto un muro tra noi e cittadini, percepiti come qualcosa di fastidioso e non come parte attiva della nostra realtà territoriale. Da un punto di vista comunicativo, ancora, troppe volte abbiamo parlato male di altri membri di questo gruppo (alcuni più frequentemente e in maniera più continua), mettendoci in cattiva luce gli uni con gli altri e, cosa assai più grave, con nostri cittadini. Il perseverare con questa condotta ha, di fatto, contribuito alla disgregazione prematura di una compagine che, almeno potenzialmente, avrebbe potuto fare grandi cose. Una situazione già di suo molto fragile, che ha dimostrato maggiore debolezza di fronte alle avversità, quando, piuttosto che compattarci e trovare insieme una soluzione, abbiamo preferito la repentina ricerca di un colpevole a cui destinare l’errore. Avremmo dovuto invece comprendere, ma purtroppo non è stato così, che, quando si è parte di un team, le lodi, così come le critiche, sono di tutti e non di pochi. Come si può evincere, si tratta di una scelta maturata nel tempo, ma che, in maniera chiara, era stata già esternata ai membri del gruppo “SALA VIVA” durante passate riunioni di maggioranza. D’altro canto, abbiamo tentato quasi sempre di dare un contributo attivo a questa amministrazione, cercando di non far mancare mai il sostegno, ciò, nonostante a volte abbiamo avuto perplessità su alcune proposte. Alcune cose, purtroppo. sono mutate e non vi è più in noi la voglia di fingere un sostegno che non riusciamo più a dare, o di far parte di un gruppo a cui, da abbastanza tempo, non sentiamo più di appartenere, pertanto, ci dichiariamo indipendenti, prendendo le distanze dal gruppo consiliare di maggioranza “SALA VIVA”, al quale siamo appartenuti fino ad oggi e per il quale ci siamo impegnati.

Atteso quanto detto, possiamo solo augurarci che il nostro lavoro sarà svolto in continuità con quello che

fino ad oggi abbiamo svolto all’interno di quest’amministrazione comunale, per quanto ci è stato permesso,

ma da oggi non più nel gruppo “Sala Viva”. Cogliamo inoltre, l’occasione per dire che la presente non vuole essere una lettera di accusa verso qualcuno in particolare, perché in questa storia, dal primo cittadino all’ultimo dei consiglieri eletti (noi compresi) siamo tutti colpevoli di una gestione non proprio ottimale della cosa pubblica, pertanto, vorremmo fare un appello agli altri consiglieri e nell’interesse della nostra città, sarebbe più opportuno che tutti facessimo un passo indietro, perché, quando non si è allineati, diventa molto più facile prestare il fianco ad errori.

Tanto dovevamo per opportuna conoscenza ed onestà intellettuale.



©Riproduzione riservata
×