• Home
  • Cronaca
  • Sarà restituita ai cittadini la sorgente dell’Acquamedia

Sarà restituita ai cittadini la sorgente dell’Acquamedia

di Federico Martino

La sorgente dell’Acquamedia sarà finalmente restituita a giorni ai cittadini sapresi ed alla fruizione dei turisti. L’assessore comunale all’Urbanistica, Franco Aita, lo ha dichiarato durante i lavori di recupero della fonte di acqua salmastra, che si trova nei pressi della piazza del mare in fase di ultimazione all’interno del porto turistico di Sapri.
Un’operazione di riqualificazione ambientale che ha permesso anche di recuperare la vecchia fonte, inaugurata nel 1927. "I lavori al porto negli ultimi anni avevano creato una situazione disdicevole – ammette Aita – ma, grazie alla stessa ditta che sta completando i lavori della struttura portuale, stiamo ripristinando una situazione quasi simile a quella originaria, svuotando tutto il materiale buttato in questi anni in maniera indiscriminata nella sorgente, ripristinando tutti i livelli, con il nuovo ciottolato, e creando il bacino dove ci possa essere circolazione di acqua marina. Senza alcuno spreco di denaro stiamo ridando al paese quello che forse è stato il punto di socializzazione più forte".
In contemporanea proseguono a passo spedito i lavori di completamento del porto turistico. Al riguardo Aita confida che la nuova piazza del mare, con le strutture annesse (nuova sede della Capitaneria di Porto, punti di ristoro e commerciali) e il terminal intermodale di contrada Pali sia consegnata entro la fine di giugno. Tutto questo con l’importante aggiunta di una passerella pedonale. "Grazie ad un ulteriore finanziamento verrà, infatti, realizzata una struttura molto leggera. – ha dichiarato il rappresentante della giunta saprese – Questa passerella sarà costruita a sbalzo sugli scogli e collegherà il terminal intermodale al porto attraverso la Grotta del Merlo e quella che una volta veniva definita la ‘spiaggia dei confetti’".

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019