• Home
  • Sport
  • E’ finita senza reti la sfida che ha visto contrapporsi il Castel San Giorgio e la Gelbison Cilento

E’ finita senza reti la sfida che ha visto contrapporsi il Castel San Giorgio e la Gelbison Cilento

di Luigi Martino

GELBISON: Vitale, Conte, Teducci, Fioraso, Marciano, Di Palma B., Chiariello, Di Genio A. (72‘ Agresta), D‘Elia, Santonicola (5‘ st De Cesare), Del Prete (1‘ st Lamanna). ALL. Infantini
CASTEL SAN GIORGIO: Carotenuto, Bisogno, Cafaggi, Guarino (13‘ st Trapanese), Franza, Abate, Lambiase, Benigno, Ambrosino (15‘ Fortino), Ferullo (10‘ st Marchese), Forino. ALL. Cerminara
ARBITRO: Crodifoglio di Napoli
NOTE: ammoniti Conte, Marchese. La partita si è disputata sul neutro di Baronissi.


Durante la prima frazione le due uniche azioni degne di nota sono nate sugli sviluppi di calci d‘angolo. Prima era Bruno Di Palma a scheggiare la traversa direttamente dalla bandierina, poi toccava ad Ambrosino centrare il legno superiore con un colpo di testa. Da segnalare anche l‘infortunio occorso a Del Prete, costretto ad uscire per una forte contusione al piede.
Nel secondo tempo il gioco si ravvivava grazie alla voglia di entrambe le formazioni di portare a casa l‘intera posta. Al 60‘ Fortino, trovatosi solo davanti a Vitale, si faceva contrare dal tempestivo intervento del numero uno rossoblu. Dopo questa azione pericolosa era la Gelbison ad andare vicina alla marcatura in tre occasioni. Al 66‘ un pericoloso tiro di Chiariello si perdeva di poco al lato. All‘ 83‘ era lo stesso capitano a centare in pieno la traversa con una conclusione dal limite dell‘area. All‘86‘ era D‘Elia ad andare vicino alla marcatura con bel colpo di testa.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019