Capaccio, scoperta discarica abusiva. Sei denunciati

Un incendio divampato nella giornata di lunedì a Capaccio, in località Linora, ha permesso di scoprire una discarica abusiva contenente rifiuti pericolosi. A scoprirla i vigili urbani della città dei templi che hanno notato nella zona diversi rifiuti accumulati tra cui pneumatici, lastre di eternit, ingombranti e rifiuti organici provenienti dalla filiera bufalina.  I vigili del fuoco del distaccamento di Eboli, sono prontamente intervenuti sul posto a seguito della segnalazione di alcuni residenti, a lavorare per oltre un’ora e con diverse autobotti per domare il vasto incendio.

A fuoco numerosi pannelli nocivi in eternit abbandonati da ignoti, insieme a pneumatici, elettrodomestici, mobilia e suppellettili vari, rifiuti organici e della filiera bufalina, sacchetti di spazzatura ed altri materiali ingombranti. Gli agenti della polizia locale, coordinati dal comandante Antonio Rinaldi, hanno apposto i sigilli all’intera area, riconducibile ad una società privata del luogo composta da sei persone, per le quali scatterà il provvedimento di denuncia penale per inquinamento ambientale. In corso di accertamento le cause dell’incendio, anche se quella dolosa sembra essere la matrice più probabile, visto che sono stati ribaltati anche diversi cassonetti lungo la strada. Non è la prima volta che nel comune di Capaccio Paestum vengono localizzate discariche abusive per lo sversamento illegale di rifiuti di ogni genere, soprattutto nelle borgate rurali e periferiche. Solo negli ultimi mesi, sono state sequestrate cave nell’entroterra delle località Rettifilo, Spinazzo, Cerro, Santa Venere e Torre di Mare.