• Home
  • Cronaca
  • Serra in casa per coltivare la canapa: nei guai un 43enne | FOTO

Serra in casa per coltivare la canapa: nei guai un 43enne | FOTO

di Luigi Martino

Nei giorni scorsi, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e di contrasto ai traffici illeciti, la Guardia di Finanza di Salerno ha segnalato un uomo di Baronissi, presso la cui abitazione è stata scoperta una coltivazione di marijuana.

Sulla base di alcuni input info-investigativi, le Fiamme Gialle del Gruppo di Salerno si sono recate presso il domicilio del soggetto, rinvenendo e sottoponendo a sequestro, in particolare, 6 vasi contenenti ciascuno una pianta di canapa indiana dell’altezza media di un metro, nonché un quantitativo (circa 35 grammi) di sostanza già liofilizzata.

Nella camera da letto dell’uomo era, invece, collocata una vera e propria “serra artigianale” adibita esclusivamente alla coltivazione ed alla produzione della marijuana, dotata di impianto di illuminazione e di areazione nonché di un termo-igrometro per la misurazione del livello di umidità, al cui interno era presente una pianta di cannabis in piena infiorescenza.

Sono stati altresì rinvenuti due essiccatori, sui quali erano posti degli steli di piante di canapa, recisi in piccoli segmenti, unitamente ad un tritatore per la macina, un bilancino di precisone per la pesatura e numerosi flaconi di fertilizzante.

All’esito delle attività di perquisizione, il responsabile, un quarantaquattrenne già gravato da precedenti di polizia, anche in materia di detenzione e spaccio di droga, è stato denunciato a piede libero a questa Procura per le specifiche fattispecie delittuose.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019