Sessa Cilento, Ascierto, Bianchi e Botti del Pascale: «Evitare visite a domicilio dei conoscenti»

di Marianna Vallone

Gli abitanti di Sessa Cilento hanno ricevuto una lettera speciale. Ad inviarla sono i medici dell’Istituto PascalePaolo Ascierto, sperimentatore del Tocilizumab per la cura del Coronavirus, Attilio Bianchi, direttore generale, e Gerardo Botti, direttore scientifico dell’Istituto anti-tumori. Una lettera indirizzata a “tutti i nostri concittadini di Sessa Cilento” per sottolineare il rispetto delle regole di contrasto al coronavirus e la vicinanza al borgo.

I tre professionisti lo scorso agosto sono diventati cittadini onorari di Sessa e nei difficili mesi dell’emergenza del Coronavirus hanno inviato un messaggio di forza ma soprattutto di incoraggiamento, tramite Antonio Migliorino,  amico e concittadino di Botti originario di Sessa Cilento, dedicato a tutti i cilentani.

Nella lettera i tre scienziati scrivono che «il periodo è davvero difficile e non diventerà mai drammatico se, anche grazie ai vostri sforzi e al vostro contributo, rispetterete le raccomandazioni suggerite dal mondo della scienza, ovvero indossare la mascherina, eseguire un’accurata e frequente igiene delle mani, rispettare il distanziamento sociale». Poi aggiungono: «In particolare vi ricordiamo di evitare il più possibile le visite al domicilio di conoscenti, essendo la nostra comunità rappresentata per gran parte dai cittadini anziani, e pertanto più suscettibili a contrarre questa infezione». E concludono: «Aiutateci a farvi aiutare».

©Riproduzione riservata