• Home
  • Cronaca
  • Sessa Cilento, cagnolina abbandonata trovata dai carabinieri forestali. L’appello: «Adottatela»

Sessa Cilento, cagnolina abbandonata trovata dai carabinieri forestali. L’appello: «Adottatela»

di Marianna Vallone

Abbandonata in mezzo alla strada a Sessa Cilento. Se non fosse stato l’arrivo dei carabinieri forestali, sarebbe morta lì. Era accucciolata, evidentemente impaurita, con le sue orecchie abbassate e gli occhietti dolcissimi. Qualcuno ha pensato bene di abbandonare per strada, davanti la caserma dei Carabinieri Forestali. I guaiti hanno richiamato l’attenzione ed è spuntata quella cagnolina visibilmente triste. Il comandante della stazione, Annamaria Spinelli, l’ha subito coccolato e, dopo le prime cure, è stato preso in carico dal veterinario dell’Asl, De Luca che nei giorni successivi ha provveduto anche alla sterilizzazione. Il cane, che ora sta bene ed è in ottima forma, non era chippato ma di questa operazione si occuperà il Comune di Stella Cilento. «Non le abbiamo dato un nome perché ci auguriamo che sia la sua nuova famiglia a darglielo, ma ci piace Susy e anche a lei», spiega Spinelli, comandante della stazione dei Carabinieri forestali di Sessa Cilento, coordinati a livello territoriale dal colonnello Mario Guariglia. Il cane, una femmina di piccola taglia, ora cerca una casa e una nuova famiglia che possa darle l’amore che merita. Chi volesse adottare “Susy” si può mettere in contatto con la stazione dei carabinieri forestali di Sessa Cilento al numero 0974836190

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019