Spiagge libere, da Costiera Amalfitana a Cilentana: idee diverse per accogliere turisti

di Luigi Martino

I Comuni costieri del Salernitano sono impegnati nel rilanciare il turismo per l’estate che verrà, e le amministrazioni stanno predisponendo piani spiagge per disciplinare gli accessi sugli arenili liberi che, nella maggior parte dei casi, saranno contingentati e controllati per evitare assembramenti. Ad Agropoli, le spiagge libere, in grado di ospitare fino a 4.500 persone, sono state divise in otto e saranno organizzate dal Comune perchè sia rispettato il distanziamento e assicurati i 10 metri quadri per ogni ombrellone. Per accedere in spiaggia, si dovrà prenotare tramite app o telefono e, in base all’afflusso di persone, sarà possibile suddividere la giornata in due fasce orarie, mattina e pomeriggio. L’utente troverà un cilindretto già piazzato nell’arenile in cui dovrà inserire il proprio ombrellone. Saranno presenti, in prossimità delle discese a mare, degli steward. Ombrelloni e giocattoli saranno sanificati prima di poter accedere sugli arenili. Anche nella vicina Castellabate, sulle spiagge libere si potrà accedere solo dopo aver prenotato tramite app e sarà garantita la distanza tra ombrelloni. Intanto, giovedì 4 giugno, il Comune avvia i lavori di riqualificazione del porto di San Marco con cinque milioni di euro finanziati dalla Regione Campania. Alla cerimonia, è prevista la partecipazione del ‘governatore’ Vincenzo De Luca. Sarà realizzata una banchina che renderà pienamente fruibile il molo di sopraflutto e il miglioramento della viabilità.

Ad Eboli, individuate due spiagge libere, ‘Casina Rossa’ e ‘lido dei disabili’, in grado di ospitare fino a 450 persone. La prenotazione sarà tramite app o altro sistema telematico. Il Comune di Casal Velino sta pensando ad un abbattimento delle tariffe del 10% dei posti barca al porto, prevedendo un differimento dei tempi di pagamento mentre per quanto riguarda le spiagge la sindaca Pisapia ha – per il momento – regolamentato l’accesso attraverso una cartellonistica e l’intensificazione dei controlli. Ha preso dunque del tempo, in attesa di varare un piano ad hoc. Va nella stessa direzione Camerota. A Centola Palinuro il sindaco delimiterà le spiagge libere che saranno regolamentate e le postazioni degli ombrelloni saranno prestabilite e segnalate.

A Praiano, in attesa di un piano spiagge, il sindaco, pur di garantirne la fruibilità, con ordinanza ha previsto che l’accesso alla spiaggia ‘Cala della Gavitella’ e alla scogliera di ‘Torre Grado’ sarà riservato esclusivamente ai cittadini residenti, ai detentori di struttura abitativa e agli ospiti delle strutture turistico-ricettive del comune della Costa d’Amalfi. A Salerno, si sta ipotizzando di utilizzare, sulle spiagge pubbliche, come assistenti bagnanti oltre una decina di nuotatori, pallanuotisti e istruttori che potrebbero garantire una copertura dalle 9 alle 18. A Maiori, il Comune ha ampliato la platea dei cittadini che possono beneficiare dell’accesso gratuito alle spiagge libere attrezzate. Bisognerà, tra gli altri requisiti, avere più di 65 anni ed essere in possesso di una certificazione Isee uguale o inferiore a 11mila euro; essere in possesso di una certificazione di disabilità grave; appartenere ad un nucleo familiare con certificazione Isee uguale o inferiore a 8mila euro. I posti complessivi da riservare ai residenti sui tratti di spiaggi al lato Est e lato Ovest del torrente Reginna sono 50. Gli arenili di Vietri sul Mare sono vigilati dalla polizia locale e dalla protezione civile. Misure che verranno incrementate anche nei prossimi giorni e con la ripresa in pieno delle attività.

©Riproduzione riservata