• Home
  • Cronaca
  • Telemedicina, al via il progetto per i più deboli promosso dalla Croce rossa di Sapri

Telemedicina, al via il progetto per i più deboli promosso dalla Croce rossa di Sapri

di Maria Emilia Cobucci

La croce rossa italiana comitato di Sapri ha dato il via all’importante progetto della telemedicina. Il Comitato di Sapri ha provveduto infatti ad istruire una rete di comunicazione con i medici di base utilizzando il sistema di telemedicina per mettere in contatto soprattutto anziani con ridotta mobilità e persone vulnerabili. L’obiettivo del progetto è quello di collegare le risorse di cura presenti nei territori con le persone particolarmente vulnerabili.

I volontari della Croce Rossa italiana comitato di Sapri aiuteranno tutti coloro che rientrano in tale categoria all’accesso alla medicina di base e specialistica attraverso la formazione dei volontari per quanto attiene la medicina a distanza .I volontari debitamente attrezzati e formati attraverso una rete di telemonitoraggio, teleconsulto e telediagnosi si recheranno presso le abitazioni di persone vulnerabili che hanno difficoltà a fruire dei servizi medici e inoltre i volontari seguiranno un percorso di formazione per l’utilizzo dei dispositivi di telemedicina. Un servizio dunque messo a disposizione dei medici di base e degli specialisti che hanno aderito al progetto mentre per chi ha intenzione di aderire è necessario inviare un e-mail al seguente indirizzo: sapri@cri.it oppure recarsi presso la sede della Croce Rossa di Sapri, previo appuntamento al numero telefonico 0973/030840.

«Il nostro servizio è fondamentale per creare una rete di medici di base e specialisti disponibili ad effettuare prestazione di telemedicina – affermano dal Comitato di Croce Rossa di Sapri – Ricordiamo che il territorio soffre la carenza di servizi sanitari e le difficoltà di accesso a quelli esistenti . È possibile migliorare la qualità della vita delle persone vulnerabili migliorandone lo stato di salute e raggiungendo quella parte di popolazione che per ragioni personali non è in grado di curarsi in maniera adeguata».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019