• Home
  • Turismo
  • Salasso ad Agropoli per i piccoli diportisti… Cambieremo

Salasso ad Agropoli per i piccoli diportisti… Cambieremo

di Federico Martino

Non possiamo sottrarci alle critiche dei turisti, anzi prendiamole come spunto per poter migliorare i servizi e l’accoglienza per queste persone che amano il territorio come noi. Di seguito una lettera sui costi ed i servizi portuali.

"Sono appena tornato dalle ferie estive trascorse in quel del Cilento.
Per me e la mia famiglia non è la prima volta sono circa trent’ anni che
villeggiamo in questa località.
Nostro malgrado quest’anno abbiamo dovuto ricrederci sulla piacevole cortesia dei cilentani ed in particolare degli Agropolesi. Con grande stupore e nostro malgrado, ma supportarti da un malcontento generalizzato ed anche dei residenti, abbiamo constatato che tutto il porto turistico è stato adibito a sosta a pagamento.

Considerato che non posso permettermi lo Yacht e nemmeno una grossa barca, possiedo un gommoncino di 3m80cm e che le mie ferie sono 20gg ho appurato che avrei dovuto acquistare un abbonamento di 50 euro che sarebbe durato trenta giorni.

Oltre a dover presentare domanda alla capitaneria di porto, cosa che poi ho fatto, allegando marca da bollo da euro 14,62 e molta altra documentazione. Il costo all’ora per la sosta è di 1 euro vien da sè che se vuoi fare un bagnetto almeno 4 – 5 ore ci stai parcheggiato quindi sono 5 euro al giorno moltiplicato x 20 gg fanno 100 euro.

Gli operatori del porto sono stati costretti di munirsi di abbonamenti e di permessi, i turisti sono stati bombardati da avvisi bonari di sosta vietata del valore di euro 15 (intera giornata di sosta).

Morale della favola un vero e proprio salasso generalizzato, ma la cosa ancora più scandalosa che il lato del porto riservato ai grandi Yacht e ai club privati e stato lasciato con sosta libera, come a dire li è meglio non disturbare.

Ovviamente la conseguenza per i piccolissimi "diportisti" come me qual è? Prendere le quattro carabbattole e fuggire verso altri lidi meno costosi, meno speculatori e magari anche più cortesi ed ospitali. Forse che il rifacimento del palazzo del comune lo debbano pagare i turisti è stato dato per scontato?

La mia amara conclusione è che oramai è premiato il turismo mordi e fuggi e non quello degli affezzionati come noi che sono sempre più in difficoltà.

firmato : Ivo 1965"

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019