Tutto e Niente, il primo libro di Aurelia Merola: «E’ nato piano piano»

di Luigi Martino

Aurelia Merola è di Rofrano. Ha scritto e pubblicato il suo primo libro dal titolo ‘Tutto e Niente’. L’abbiamo intervistata.

Ciao Aurelia e grazie per aver concesso questa intervista al giornale del Cilento.

Ciao, ringrazio voi perché ogni giorno fate un lavoro meritorio e, come in questo caso, date la possibilità ai ragazzi di esprimersi promuovendo il loro impegno. 

Da dove nasce l’idea di scrivere un libro?

In realtà questo libro è nato piano piano, come si suol dire ‘step by step’. A me piace molto scrivere e inizialmente tutto è nato da una raccolta di pensieri che annotavo sulla mia amata agendin . In seguito, ho iniziato a creare questo personaggio, la protagonista di ‘Tutto e Niente’, e , dopo un po’ di tempo, il progetto ha preso forma . Alla fine, ho sentito il bisogno di pubblicarlo e l’ho fatto ed ora eccomi qui. 

Immagino abbia una mission, un obiettivo. Dove vuoi che arrivino le tue parole?

Vorrei che i miei scritti favoriscano un proficuo e sereno confronto che induca alla riflessione della propria condizione interiore e sociale e perché no, come diceva sempre una mia carissima professoressa : ‘la rivoluzione si può fare anche con la penna!’. 

Sei cilentana, un territorio così bello e così difficile. La tua storia personale si intreccia con quella della protagonista di ‘Tutto e niente’?

Si, sono cilentana , sono nata in questa terra angelica e affascinante, dormiente in un silenzio che diventa sempre più assordante. La protagonista di ‘Tutto e Niente’ esprime un forte bisogno mentale e spirituale di tornare nella propria terra d’origine perché crede fortemente nelle potenzialità salvifiche di questa. Io sono molto legata alla mia calda terra e la mia storia personale è intrecciata con quella della protagonista che ,durante il suo percorso, valorizza le dimensioni più tenere, piccole e genuine di questa realtà e ne carpisce significati molto profondi. 

Quanto ha influito la situazione attuale nella stesura di questo testo?

Il lockdown, a dire il vero, è stato un effetto velocizzante per la definizione di questo progetto perché il tempo sembrava fosse rallentato e il mondo sospeso , quindi mi sono dedicata assiduamente alla definizione di questo lavoro. Per quanto riguarda la stesura, ha sicuramente inciso l’emotività, protagonista di questo periodo, perché le tragiche condizioni della pandemia hanno gravato su tutti , anche sulla protagonista del libro perché l’irrequietezza che la caratterizza diventa ancora più forte.  

Progetti per il futuro?

I progetti per il futuro sono tanti : tanti sogni nel cassetto e diverse ambizioni . Ora sto cercando di gettare le basi per un futuro proficuo. L’occasione mi è gradita per porgervi i miei più cari auguri di buon anno.

Link per l’acquisto del libro: Tutto e Niente