Troppi casi, Giungano torna in lockdown: sindaco firma ordinanza

di Luigi Martino

Il contagio riprende a correre tra i banchi di scuola. E la comunità di Giungano lo sa bene. Il sindaco, Giuseppe Orlotti, attraverso un’ordinanza sindacale ha prolungato la chiusura dei plessi scolastici di ogni ordine e grado fino al prossimo 4 maggio. La decisione è scaturita in seguito alla positività a covid-19 di ben otto bambini che frequentano le scuole del paese.

Lo scorso 12 aprile, infatti, una mamma, poi risultata positiva a coronavirus, ha accompagnato i propri figli a scuola. In attesa della ricostruzione dei contatti e dell’accertamento del contagio, Orlotti dispose la chiusura delle scuole fino al 15 aprile e la sanificazione di tutti gli ambienti. Nel frattempo, però, la situazione si è aggravata. Il virus si è insediato nelle classi e ad oggi sono in tutto undici le persone positive. Si tratta di otto bambini e tre adulti. Sono asintomatici e le loro condizioni di salute non destano preoccupazioni. Però le autorità sanitarie, insieme all’amministrazione comunale e al comando di polizia locale, sono impegnate nella ricostruzione della catena dei contatti. Al momento ventuno persone sono finite in isolamento domiciliare preventivo e saranno sottoposte a tampone.

«Questi undici cittadini hanno contratto il Covid-19 a seguito della riapertura delle scuole post Pasqua e pasquetta, per questo ho chiuso tutti i plessi – sottolinea Orlotti -. Ringrazio come sempre l’Asl di Salerno e l’Usca di Trentinara per l’impeccabile supporto, così come polizia municipale e protezione civile: al contempo, invito i cittadini giunganesi a non rilassarsi mantenendo alta la guardia contro la diffusione del virus, rispettando in maniera rigorosa tutte le restrizioni ed i protocolli di sicurezza per arginare la pandemia».

La nuova ordinanza da zona rossa

La chiusura delle scuole però non basta e il primo cittadino, attraverso un’altra ordinanza, firmata ieri, 20 aprile, ha emanato nuove misure:

Spostamenti: Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio comunale, salvo che per comprovate esigenze di lavoro, di necessità o di salute; resta comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

È consentito spostarsi all’interno del proprio Comune, solo per comprovate esigenze tra le 5,00 e le 22,00; Non è consentito lo spostamento verso altre abitazioni private nell’ ambito del territorio comunale, ad esclusione di assistenza a persone con disabilità o non auto sufficienti. E’ vietato comunque lo spostamento verso le seconde case diverse dall’abitazione principale se non per comprovate esigenze;

Esercizi commerciali: È consentita l’apertura degli esercizi commerciali al dettaglio (prodotti alimentari,per l’igiene, beni di consumo, ferramenta, elettrodomestici, abbigliamento e simili);

Ristorazione: Resta consentita in qualsiasi orario la ristorazione con consegna a domicilio, nel rispetto delle norme igieniche sanitarie, sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. 

La ristorazione da asporto è consentita per bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie, ecc. esclusivamente fino alle ore 18.00 nei locali identificati come attività prevalente dal Codice Ateco 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina);

-fino alle ore 22.00 negli altri locali di ristorazione;

E’ fatto espresso divieto di consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione, ivi compresi bar, pizzerie, pasticcerie, gelaterie etc., come nelle loro adiacenze, e di stazionare nei pressi di tali esercizi commerciali;

A far data dal 20 aprile 2021 e fino al 04 maggio 2021, salvo ulteriori proroghe, la sospensione dell’attività scolastica e didattica in presenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale.

Restano comunque consentite in presenza le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità, previa valutazione, da parte dell’Istituto Scolastico, delle specifiche condizioni di contesto e in ogni caso garantendo il collegamento online con gli alunni della classe che sono in didattica a distanza.

A decorrere dal 20 aprile 2021 e fino al 04 maggio 2021, è disposta:

– La chiusura di tutti i parchi urbani, delle piazze, dei giardini pubblici e dei centri sportivi; 

– Il divieto di svolgimento di fiere e mercati per la vendita al dettaglio, ivi compresi quelli rionali e settimanali su territorio comunale.

Resta chiusa al pubblico, per conferimenti diretti, l’Isola Ecologica in località Donnaciomma, per tutto il periodo di vigenza della presente ordinanza Nello stesso periodo l’accesso individuale ai luoghi di culto si svolgerà in modo da evitare ogni assembramento sia nell’edificio che nei luoghi annessi, ed è fatto obbligo al legale rappresentante dell’ente di culto di individuare, nel rispetto della normativa sul distanziamento tra le persone, la capienza massima consentita nell’edificio, tenendo conto della distanza minima di sicurezza, con affissione al portone di ingresso dell’edificio di culto del numero di persone massimo consentito. L’accesso limitato alle persone dovrà avvenire comunque mediante l’utilizzo di tutti i dispositivi di protezione imposti per legge. E’ in ogni caso fatto obbligo del rispetto rigoroso da parte del legale rappresentante dell’ente di culto dei protocolli allegati al DPCM 02 marzo 2021. Si raccomanda un ingresso scaglionato e il divieto di assembramento presso il civico Cimitero. Resta invariato il protocollo anti-contagio: in particolare si raccomanda di indossare la mascherina correttamente, igienizzare spesso le mani, mantenere il distanziamento sociale, evitare assembramenti e usare i guanti dove necessario. La violazione dei divieti stabiliti dalla presente ordinanza è punita con la sanzione amministrativa da euro 400,00 a euro 1.000,00”

Gli altri casi nel Cilento

Scuole chiuse per accertamenti anche a Camerota. Il suocero di un’autista che tutte le mattine accompagna i bambini con lo scuolabus, è risultato positivo qualche giorno fa. L’amministrazione attende l’esito di alcuni tamponi per poter dare il via alla ripresa della didattica in presenza. Situazione analoga a Prignano Cilento. Oggi l’Asl effettuerà diversi tamponi su docenti, alunni e personale Ata entrati a contatto con i casi positivi accertati lo scorso 7 aprile. «Ho ritenuto opportuno, in via precauzionale, sospendere le attività didattiche in presenza a tutti gli ordini di scuola del territorio comunale. Le lezioni proseguiranno normalmente in dad» ha specificato Giovanni Cantalupo, sindaco di Prignano.

©Riproduzione riservata