• Home
  • Cronaca
  • Va in cerca di funghi con il figlio, precipita e resta ferito. Soccorso in elicottero

Va in cerca di funghi con il figlio, precipita e resta ferito. Soccorso in elicottero

di Luigi Martino

Verso le ore 13.30 di mercoledì 31 agosto, la centrale operativa 118 di Salerno ha allertato il Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) della Campania per un ferito sul monte Polveracchio. L’uomo, originario di Eboli, si era recato sul monte alla ricerca di funghi con il figlio. Il giovane è scivolato e il padre, nel tentativo di aiutarlo, è caduto rovinosamente procurandosi vari traumi agli arti superiori e torace. In contemporanea alla partenza del Cnsas, è decollato anche l’elisoccorso 118 di Salerno che ha provveduto a sbarcare con non poche difficoltà l’equipaggio composto da tecnico, medico e infermiere nella fitta vegetazione.

L’uomo è stato stabilizzato ed imbarellato dai sanitari e costantemente assistito, data l’importanza dei traumi subiti. Purtroppo, le condizioni meteo sono mutate rapidamente e non è stato possibile effettuare il recupero del ferito attraverso il verricello dell’elicottero. La squadra terrestre del CNSAS ha quindi raggiunto il luogo e ha iniziato a movimentare la barella per riportare a vale il ferito, effettuando una lunga calata di circa 1000 metri. Nonostante il sopraggiungere del buio, le operazioni di recupero dell’infortunato non si sono fermate e, dopo ben 4 ore di manovre, la barella è giunta su una strada sterrata nei pressi di Acerno, dove è stata presa in carico dall’ambulanza 118.

Le operazioni sono state facilitate da alcuni conoscitori dei luoghi che hanno contribuito con i propri mezzi fuoristrada a spostare il personale del CNSAS. Valido anche il supporto da parte del Soccorso montano di Giffoni Vale Piana (SA) che hanno affiancato i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico della Campania.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019