• Home
  • Comuni
  • Ascea
  • Velia, nucleo museale in galleria dismessa: c’è la mozione

Velia, nucleo museale in galleria dismessa: c’è la mozione

di Luigi Martino

Ecco le prime 50 firme della mozione indirizzata al governo sottoscritta da altrettanti senatori per chiedere di abbandonare l’idea della ristrutturazione, nel sito archeologico di Velia, della galleria sotterranea che dovrebbe costare alle casse dello stato più di 7 milioni di euro per la realizzazione di un primo nucleo museale. In definitiva i senatori ritengono l’intervento «banale, inefficace ed impropria alternativa al Museo di Elea – Velia». La questione è stata portata all’attenzione dell’opinione pubblica da parte del Codacons Cilento successivamente sostenuto dalla senatrice Margherita Corrado. Invece a promuovere la mozione è stato il senatore Franco Castiello.

«Già lo scorso 10 Gennaio con una lettera indirizzata al direttore Zuchtriegel  – sostiene Caterina Cammarano (nella foto), presidente del comitato – il Comitato esprimeva le proprie perplessità e le proprie preoccupazioni in merito alle notizie diffuse dai mass media per il progetto relativo alla realizzazione di un eventuale nucleo Museale di Velia nella galleria ferroviaria dismessa. Oggi, dopo le prese di posizione prese, siamo seriamente preoccupati in merito al finanziamento destinato alla galleria per la realizzazione di un eventuale sistema museale».

«Voglio anche ringraziare, a nome di tutti i componenti del comitato, il senatore Francesco Castiello il quale ha presentato una mozione, indirizzata al governo, firmata da 50 parlamentari, che hanno definito la scelta inaccettabile, criticabile, banale, inefficace ed impropria. Prima del Senatore Castiello, anche il Codacons Cilento e la Senatrice Margherita Corrado, avevano espresso i propri dubbi sulla questione, sollevando il proprio disappunto. Noi riteniamo che Velia necessita di un Museo Nazionale innovativo e funzionale». 

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019