Vigili del fuoco, ad Agropoli inaugurata la nuova caserma

183

di Antonio Vuolo

Il Cilento ha un nuovo distaccamento per i vigili del fuoco. «Già 67 interventi in pochi giorni per il neo presidio fisso dei vigili del fuoco di Agropoli». L’ha detto la comandante provinciale dei vigili del fuoco, Rosa D’Eliseo, nel corso della cerimonia di inaugurazione del distaccamento dei caschi rossi di Agropoli. Tutto ciò per sottolineare l’importanza di un presidio che coprirà più di venti comuni, dalla costa all’entroterra.

«Un altro traguardo è stato raggiunto – ha aggiunto il sindaco Adamo Coppola – la nostra città può contare su un presidio permanente dei Vigili del Fuoco. Per me è motivo di grande soddisfazione essere giunti a concretizzare un obiettivo per il quale stavamo lavorando da tempo. Il presidio di Agropoli sarà punto di riferimento di 20 Comuni, oltre il nostro, per una popolazione servita di circa 86.000 abitanti. Un servizio fondamentale che rende la nostra città e il comprensorio più sicuri».

Il distaccamento di Agropoli va ad aggiungersi agli altri presenti sul territorio della provincia salernitana, di riferimento per gli interventi nel Cilento, vale a dire quello di Vallo della Lucania e quello di Eboli. E’ baricentrico rispetto ad una serie di Comuni che potranno essere serviti in caso di emergenza, in tempi limitati. Fanno riferimento al nuovo distaccamento i Comuni di: Albanella, Aquara, Capaccio Paestum, Castel San Lorenzo, Castellabate, Cicerale, Giungano, Laureana Cilento, Lustra, Montecorice, Monteforte Cilento, Ogliastro Cilento, Perdifumo, Roccadaspide, Rutino, San Mauro Cilento, Serramezzana, Trentinara, Torchiara, Prignano Cilento.

La caserma, sorge in località Mattine, in un immobile che la Regione Campania ha ceduto al Comune di Agropoli in comodato gratuito. Per il suo adeguamento, negli ultimi tre anni, l’Ente municipale ha speso all’incirca 100.000 euro, al fine di migliorarne la sicurezza e la vivibilità. Sono stati predisposti poi, nelle ultime settimane, gli allestimenti operativi, di comunicazione e il trasferimento di automezzi ed attrezzature.

Il manufatto misura 500 metri quadrati, disposti su due livelli. Al piano terra sono presenti: autorimessa mezzi, spogliatoio, armadietti, servizi igienici con docce; al primo piano: la Sala operativa, le camerate, cucina e servizi. Nella parte esterna, di circa 600 metri quadrati, ci sono: un’area verde e un piazzale con serbatoio per il rifornimento carburanti.

Soddisfazione è stata espressa dal prefetto Francesco Russo: «I progetti camminano sulle gambe di uomini e donne, bravi e determinati. La presenza del prefetto Mulas dimostra la vicinanza del Ministero a questo territorio, che si è palesata con l’apertura di questo distaccamento. Grazie al Comandante D’Eliseo e all’ex comandante De Acutis. E poi al sindaco Adamo Coppola: quest’Amministrazione ha dimostrato sempre grande disponibilità verso le Istituzioni e sensibilità. Questo presidio rafforza la sicurezza ed è un premio per questo territorio».  

Parola poi a Fabio Dattilo, Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, che ha ricordato Luigi Morello, pompiere scomparso a causa del Covid-19 e Claudio Nicoletti, discontinuo deceduto nei giorni scorsi per salvare il papà. «Ad Agropoli abbiamo mandato 28 unità – ha riferito – e alla fine dell’anno venturo, quando il potenziamento del Corpo sarà completo, Covid permettendo, passerà a 33 unità e al livello ST2. Il distaccamento nasce in un momento fortunato in cui il Governo ha dato una forte attenzione al Corpo nazionale, con più mezzi e uomini, oltre ad un più adeguato stipendio». 

A chiudere è stato Salvatore Mulas, Capo Dipartimento Vigili del Fuoco – Prefetto: «Condividiamo la soddisfazione per l’attivazione di questo distaccamento. Quando si riesce ad aprire anche una piccola caserma, è un successo per lo Stato ed è sempre una grande vittoria. Questo territorio è prezioso e sono certo che i ragazzi ci metteranno cuore e tutto l’impegno possibile per preservarlo». (Le video interviste a cura di Vuolo sulla pagina Facebook del Giornale del Cilento)

© RIPRODUZIONE RISERVATA