• Home
  • Eventi
  • Villammare Festival film & friends: vince ‘La vacanza’ di Iannaccone | FOTO

Villammare Festival film & friends: vince ‘La vacanza’ di Iannaccone | FOTO

di Luigi Martino

Oltre cinquecento corti e un centinaio di lunghi provenienti da 27 Paesi del Mondo. Il Villammare Festival Film&Friends, organizzato dal Patron Alessandro Cocorullo con il coordinamento artistico di Axel Nobile e la progettazione culturale di Daria Scapitta, ha visto, anche quest’anno protagonisti personaggi del mondo del cinema e dello spettacolo. A presentare in anteprima nazionale il film Destini di Luciano Luminelli è stato il protagonista Sebastiano Somma che ha ricevuto il Premio alla carriera. Insieme a lui il regista ha ricevuto il Premio Esercenti Cinematografici Italiani. Ad emozionare il pubblico diVillammare è stata Sandra Milo che ha ricevuto il premio Icona Cinema Italia. L’attrice ha presentato il suo ultimo film Free -Liberi di Fabrizio Maria Cortese anche lui presente alla proiezione. “La ripresa è stata lentissima come tutto il resto. Perlomeno, il cinema non ha chiuso… il cinema è un’arte straordinaria amata da chiunque, quindi non può finire e non può nemmeno avere un calo di pressione. Il cinema indipendente fa fatica, però c’è tanta voglia di riprendere. ripartiremo e arriveremo lontani!” ha detto Sandra Milo.

Inoltre, durante la serata si è dato ampio spazio a grandi registi di cinema e dello spettacolo con la presenza del regista e drammaturgo Claudio Insegno che ha ricevuto il Premio Sociale per l’Arte e la Cultura dall’attrice e regista Cinzia Mirabella. “La ripartenza  la vedo dura. Perché già prima il teatro e il cinema non navigavano in ottime acque, quindi sarà molto difficile che riprenda a pieno regime. Si dovrà ricominciare (quasi) da capo ma con l’esperienza, per fortuna, dalla nostra parte. Sicuramente dovremo invogliare lo spettatore a partecipare attivamente e quindi cercare di produrre spettacoli e film più coinvolgenti. Il cinema indipendente è il mezzo migliore per poter esprimere la propria arte. Non si hanno sovrastrutture o imposizioni da parte di una major, per un regista è il modo migliore per creare uno stile. Di questi tempi abbiamo tanti esempi di cinema indipendente ma secondo me, almeno in Italia, non hanno la considerazione che si meriterebbero” ha aggiunto Claudio Insegno.

A seguito della presentazione della prima webserie musicale italiana “Serenè”, il Festival ha accolto Veronica Maya, giunta sulla costa di Villammare dove ha ricevuto il Premio Miglior Attrice Rivelazione nel film Magari Resto di Mario Parruccini. Inoltre, Vincenzo Incenzo ha emozionato il pubblico con le sue più belle canzoni scritte per grandi artisti italiani.  La finale di sabato 28 agosto ha avuto come protagonisti Gilles Rocca che ha ricevuto il premio Miglior Regia per il corto in concorso “Casting die-rector” e Cinzia Leone, apprezzata interprete televisiva e cinematografica che ha strappato un sorriso con la sua comicità straripante.

I 20 anni del Festival sono stati celebrati in conclusione dalla Piro Cilento Fireworks di Vibonati con uno spettacolo piromusicale di particolare effetto, un omaggio al Festival con musica, fuochi  e la magia cinematografica  del loro riflesso in mare.

Anche quest’anno Shinema, la piattaforma italiana di distribuzione di cinema indipendente di Dina Ariniello ha avuto una sua sezione di premi ha dedicato ai prodotti strettamente indipendenti. Il premio fuori concorso è andato a Serenè, una serie tv di 10 puntate scritta, diretta ed interpretata dal napoletano Brando Improta. Serené è una favola moderna e surreale in cui la narrazione si sviluppa a mo’ dei film musicarelli degli anni ‘60.

La giuria, quest’anno per i lungometraggi era composta da: David Warren, Alessandro Fabbri, Laura Colella, Giuseppe Cozzolino, Emanuela Ponzano e Vince Tempera.

Per i Corti: NicolaGuarino, Cinzia Mirabella, Susanne Franz, Hartmut Saam, Gaetano Bellotta e Vittorio Adinolfi.

PREMI CORTI

  • Miglior corto – Gli atomici Fotonici regia Davide Morando.
  • Migliore regia a Gilles Rocca per Casting-dai-director
  • Migliore musiche a Servi di Biciclette regia Michele Granata 
  • Premio Giorgio Allorio alla sceneggiatura Un oggi alla volta regia di Nicola Conversa
  • Menzione della giuria May I have this Seat?Tabish Habib

PREMI LUNGOMETRAGGI

  • Miglior Lungometraggio e Miglior Regia Enerico Iannaccone per il film “La Vacanza“.
  • Premio Giorgio Allorio alla sceneggiatura a “POP black posta” di Marco Pollini, 
  • Miglior colonna sonora “Magari Resto” regia Mario Parruccini

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019