• Home
  • Cronaca
  • Villammare, ripulite dai volontari di Protezione civile le scritte dei vandali sul lungomare

Villammare, ripulite dai volontari di Protezione civile le scritte dei vandali sul lungomare

di Marianna Vallone

«Cinque volontari, tre barattoli di diluente, 3 ore, un lenzuolo della nonna e tanto olio di gomito» sono serviti per ripulire il lungomare di Villammare dallo scempio che alcuni vandali hanno provocato scrivendo con bombolette spray sui pavimenti della passeggiata. «Purtroppo ci sono bande di ragazzini che di notte in branco creano questi problemi. – ha scritto sui social il consigliere di Vibonati Manuel Borrelli – La scorsa notte insieme all’assessore Genny Gerbase abbiamo richiamato, dopo aver chiamato i carabinieri, alcuni di loro che alle 3 del mattino disturbavano la quiete pubblica con schiamazzi e con la musica ad alto volume».

La scritta è stata ripulita dai volontari della Protezione Civile del Gruppo lucano Vibonati Villammare. «La meglio gioventù non è quella rappresentata da chi si sente forte distruggendo ma da chi con impegno protegge, tutela e costruisce. Oggi un nuovo ingresso nel nostro gruppo, quello di Mimmo, è stato segnato di blu. Non si è tirato indietro e subito si è reso disponibile per dare la sua esperienza e il suo tempo per ripulire uno scempio. Il nostro paese va rispettato, amato e tutelato sia dai residenti che da chi viene come ospite, e oggi abbiamo cercato di portare di nuovo la bellezza là dove qualcuno l’ha sporcata», hanno commentato.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019