«Attenzione! Passeggeri in esubero», il treno dei vacanzieri si ferma per un’ora a Salerno: è diretto nel Cilento

Il treno interregionale che quotidianamente copre la tratta Napoli-Cosenza è rimasto fermo per 65 minuti fra le stazioni di Salerno e Battipaglia. Il motivo? «Le carrozze erano stracolme di passeggeri e – ci racconta una pendolare – non si poteva nemmeno respirare». Il treno parte da Napoli piazza Garibaldi alle ore 12.56, passa per Salerno centro alle 13.44 per poi raggiungere le località balneari del Cilento. Trenitalia è a conoscenza della forte affluenza di cittadini e oggi, primo giorno di agosto, aveva aggiunto tre carrozze supplementari per evitare disagi. I tentativi non sono serviti a nulla e appena il treno si è fermato a Salerno, i cittadini hanno cominciato a protestare, stanchi della situazione giudicata da alcuni presenti come invivibile. A quel punto è intervenuta la polizia ferroviaria che ha sedato gli animi e convinto i cittadini a ripartire.

Il treno è partito dopo 50 minuti circa, ma alla stazione di Battipaglia sono saliti altri passeggeri. Le proteste si sono riaccese e la Polfer ha dovuto per la seconda volta placare i cittadini che viaggiavano a bordo del 2429. Il treno dovrebbe raggiungere Cosenza per le 17.30, ma ha già accumulato 70 minuti di ritardo.

©Riproduzione riservata