Serramezzana, “Festival Segreti d’Autore”: sabato 4 agosto piazza XX settembre diventa un teatro

Il 4 Agosto alle 21,00 nella bellissima Piazza XX Settembre trasformata in teatro, Salvatore Pope Velotti, Segretario Generale di INWARD – Osservatorio internazionale sulla creatività urbana – presenta il Progetto CUNTO.

INWARD è un osservatorio animato da un gruppo internazionale di esperti che opera per la valorizzazione della creatività urbana con seminari, workshop, convention, ricerche e progetti nelle università, con enti pubblici, per privati e in collaborazione con associazioni no-profit e operatori culturali, con programmi di educazione e formazione interdisciplinare, promuovendo un team diffuso di centinaia di creativi urbani italiani e producendo libri, eventi, mostre, audiovisivi, riqualificazioni urbane. Impegnato da anni nel facilitare la corretta comprensione del fenomeno, distinguendolo dal vandalismo in città, dialoga sugli aspetti della creatività urbana con sociologi, antropologi, architetti, urbanisti, designer, critici d’arte, artisti e comunicatori.

CUNTO sta per Creatività Urbana Napoli Territorio Orientale, ma vuole dire anche racconto, come una narrazione sociale fatta dai giovani, un’opera estesa di riqualificazione, attraverso la creatività urbana, che si svolge per temi, figure e colori sul territorio, con la concreta partecipazione della comunità giovanile.

Il progetto vuole stimolare la rilettura cosciente e l’esperienza espressiva del proprio ambiente urbano da parte delle giovani generazioni che lo abitano e che lo vivono; un’area difficile, a rischio, ex-industriale, su cui insiste la stazione ferroviaria di via Argine (Ponticelli) che l’azienda di trasporto locale Circumvesuviana ha conferito in comodato d’uso per la creazione del primo Centro Territoriale per la Creatività Urbana d’Italia, quartier generale di CUNTO.

Alle ore 21,30 la serata prosegue con la proiezione del film “Ribelli per caso” un film di Vincenzo Terracciano del 2001 dove una Grande Abbuffata diventa spunto per una “occasione di rivolta individuale contro la malasanità”.