La tarantella cilentana in Salento e a Parigi con i laboratori di Tullia Conte

Laboratori intensivi di danze popolari con diversi momenti di approfondimento teorico, workshop e passeggiate immerse nella natura, scoprendo gli antichi mestieri e le produzioni naturali e tipiche del territorio. SuDanzare e SoniBoni Officine Culturali presentano Tarantella, danza del Mediterraneo, workshop residenziale dal 30 ottobre al 2 novembre 2014. 

La tarantella cilentana, della grande famiglia della tarantelle lucane, è una danza a sè e viene ancora eseguita nelle feste popolari e di piazza, è tradizione ancora viva che appartiene agli anziani quanto ai giovani. La peculiarità della tarantella cilentana é di essere suonata – tradizionalmente – senza l’accompagnamento del tamburo: l’unica percussione presente in questo tipo di tarantella é la castagnetta (una sola), insieme algli altri strumenti tipici come la chitarra battente o la zampogna, la ciaramella, i doppi flauti. Il laboratorio è tenuto da Tullia Conte ed è previsto per sabato 1 novembre dalle 16:30 alle 19:30 presso Soniboni Officine culturali a Maglie (Lecce) e il 9 novembre nella sede di suDanzare di Parigi.

Tullia Conte  racconta con la sua danza i codici antichi trasformati, trasfigurati dal presente. Nata in Cilento ma trasferitasi in tenera età a Napoli, e legata alla sua terra; internazionale perché vive  a Parigi, passionale e  “scientifica” in nome dei suoi studi antropologici,  si occupa di tarantelle tradizionali ma con un sguardo teso al presente, al contemporaneo. Regista teatrale, attrice e performer, è impegnata da anni nello studio delle danze popolari secondo una prospettiva di antropologia teatrale. Dal 2012 dirige con Mattia Doto suDanzare, scuola internazionale di danza popolare, con sede a Parigi e Napoli. (per informazioni voyagetarantella@gmail.com)

©Riproduzione riservata