Convegno sulle pale mariane cinquecentesche: appuntamento al Museo diocesano di Teggiano

0
10

La presentazione del catalogo scientifico sulle pale mariane della Diocesi di Teggiano – Policastro, conclude una serie di eventi organizzati in occasione del restauro del dipinto della Vergine con Misteri, di Giovanni Luca De Luca, eseguito nel 1577. Sabato 18 ottobre 2014, alle ore 16.30, al Museo diocesano di Teggiano si terrà un convegno per discutere dell’olio su tavola dell’artista ebolitano, il cui restauro è stato presentato al pubblico il 16 luglio scorso e di una serie di opere pittoriche di soggetto mariano, commissionate tra la fine del Cinquecento e gli inizi del secolo successivo, presenti nelle chiese diocesane.

Il convegno L’evento sarà introdotto da don Fernando Barra, direttore dell’ufficio diocesano per i Beni Culturali e da Ivo De Maio, presidente della cooperativa Paràdhosis, ai quali seguirà l’intervento di Rosanna Romano, dirigente della Soprintendenza ai Beni Storico-Artistici di Salerno, in sostituzione del Soprintendente. Il corpo del discorso storico ed artistico sarà affidato all’architetto Marco Ambrogi, responsabile del museo teggianese e curatore del catalogo scientifico ed a Emilia Alfinito, funzionario di zona della Soprintendenza storico-artistica salernitana. Concluderanno il convegno, il soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno, Gennaro Miccio e il vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, Antonio De Luca.

Il catalogo Il volume che si presenterà al Museo, dal titolo “Imago Mariae”, raccoglie diversi interventi a carattere scientifico, che illustrano sia il recupero delle due tavole mariane di Controne e Polla, recentemente restaurate ed esposte nella collezione d’arte teggianese, sia il percorso storico- artistico intorno all’iconografia della Madonna della Vittoria nella diocesi di Teggiano-Policastro, che prese corpo a seguito della nota battaglia di Lepanto del 1571. A far da contorno all’evento, sarà la discussione sul restauro e sulla salvaguardia delle due opere artistiche mariane, alla presenza dei restauratori Antonio D’Elia (Cartusia di Salerno) e Luigi Parascandolo (Iris di Buonabitacolo).

La tavola della Madonna del Rosario di Controne, restaurata grazie ad un finanziamento della Banca di Credito Cooperativo “Monte Pruno” di Roscigno e Laurino, è attualmente esposta nell’ex cappella Rossi del Museo Diocesano, in sintonia con un’altra opera coeva e di analogo soggetto, restaurata lo scorso anno ed attribuita al napoletano Decio Tramontano, proveniente dalla chiesa del Rosario di Polla. Dopo la mostra sulla “Croce ritrovata” dello scorso anno, il Museo Diocesano, gestito dalla cooperativa Paràdhosis, intende, con la presentazione del catalogo “Imago Mariae”, potenziare il percorso della memoria e della riscoperta del ricco bagaglio culturale storico-artistico ed architettonico diocesano, proponendo un itinerario virtuale sull’iconografia della Madonna del Rosario, con la presenza di diversi dipinti ubicati nelle chiese del territorio, anche alla luce del tema proposto dall’Amei, (Associazione Musei Ecclesiastici Italiani), di cui la collezione teggianese fa parte, sull’arte dopo il Concilio di Trento.

L’evento del 18 ottobre al Museo, sarà l’occasione per presentare al pubblico una ricca serie di iniziative che la Diocesi e la Cooperativa stanno programmando, per arricchire l’offerta museale e didattica a disposizione dei turisti e degli appassionati dell’arte e del territorio. 

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here