• Home
  • Cronaca
  • Le strade del Cilento franano e la Ciucciopolitana continua il suo viaggio lento

Le strade del Cilento franano e la Ciucciopolitana continua il suo viaggio lento

di Marianna Vallone

Mentre le principali strade di collegamento del Cilento franano sotto lo sguardo impotente di chi la abita, la Ciucciopolitana preferisce fare i suoi sani viaggi lungo percorsi meno noti ma più antichi e suggestivi, quelli che l’uomo ha abbandonato perché «scomodi» da fare con un’auto.

La Ciucciopolitana E’ stata immaginata e ideata da Angelo Avagliano come un’infrastruttura fondamentale che servisse a mettere in rete e connessione i nodi di biodiversità colturale e culturale che innervano il territorio del Cilento. Gli asini, ingegneri naturalistici della scuola fondamentale, diventano mediatori di comunicazione tra le diverse espressioni del territorio del Parco del Cilento.

Un viaggio lento «Riscoprire  le vecchie strade, tratte anche abbandonate, attraverso il percorso con l’asino – spiega Angelo Avagliano sul suo sito – consente di manutenerle e di reimpostare una fruizione del territorio a misura d’uomo, valorizzativa e non consumistica, privilegiando il punto di vista lento del procedere a piedi a passo d’asino e non in vetture e treni che spesso tagliano i territori attraversandoli velocemente ovvero mortificandoli e non consentendo al viaggiatore di viverli come essi meritano».

I sentieri I viaggi lenti in compagnia del ciuccio sono due: quello che dal Cilento interno arriva a Paestum e quello che invece raggiunge Sapri. Attraversano i luoghi più suggestivi del territorio. Sette giorni alla scoperta del Cilento che non ti aspetti con guide d’eccezione, Rocco, Catarina e Cerasella e accompagnatori d’esperienza. (I sentieri e le guide)

Come fare E’ sempre possibile percorre l’intero tratto della ciucciopolitana della Città del Parco e anche le singole tratte di Ciucciovie concordando date e periodi contattando Tempa del Fico. Il numero minimo di partecipanti è di 5 persone.

©

Info: www.ciucciopolitana.org

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019