• Home
  • Cultura
  • Marco Missano: da Agropoli al PIVI con i videoclip di Riva Star feat Sud Sound System e Marco Notari

Marco Missano: da Agropoli al PIVI con i videoclip di Riva Star feat Sud Sound System e Marco Notari

di Giuseppe Galato

Sono “Orizzonti” (di Riva Star feat Sud Sound System) e “Le Stelle Ci Cambieranno Pelle” (di Marco Notari) i due videoclip firmati dall’agropolese Marco Missano in concorso al PIVI 2011.

Per questa IX edizione del premio (all’interno della XV edizione del Mei al Medimex, che si terrà il 27 novembre alle ore 15:00 presso Cineporto – Fiera del Levante di Bari) sono 90 i finalisti, selezionati fra i 450 videoclip giunti in redazione, in attesa delle nomination per i premi ufficiali (Miglior Videoclip, Miglior Regia, Miglior Montaggio, Miglior Soggetto originale, Miglior Fotografia).

Di seguito la lista dei finalisti:

o          “Borderline” di Tying Tiffany, regia di Gianluca Zenone

o          “Un Oscuro Scrutare”    dei Roulette Cinese, regia di Gianluca Zenone

o          “Dies Irae” dei Roulette Cinese, regia di Gianluca Zenone

o          “Genesis” dei A034, regia di Amleto Cascio

o          “Italian Job” dei Phinx, regia di Francesco Fabris e Nicola Tonellotto

o          “Grindmaster Flesh” di Zeus!, regia di Paolo Mongardi

o          “Lacrime Di Giulietta” di Matteo Negrin, regia di Luca Cattaneo e Alberto Filippini

o          “Westfora Carillon” dei The Charlestones, regia di Tomas Marcuzzi

o          “Myshoes” dei The Filmakers, regia di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro

o          “You And I And The Screaming Trees” dei Manetti!, regia di Luca Merli

o          “Like This” di Osvaldo Supino, regia di Roberto Chierici

o          “Psychobabele” dei Leitmotiv, regia di Bruno Luca Perrone

o          “L’amore Ai Tempi Della Crisi” dei Toromeccanca, regia di Davide Raia

o          “O’pitbull” di Ciccio Merolla, regia di Gennaro Silvestro

o          “Pink Strobe Delight” di Lady Maru E Cascao, regia di Lidia Ravviso

o          “La Verità” degli Artificial Kid, regia di Lidia Ravviso

o          “Here Comes The Mobster” di Big Charlie, regia di Annarita Milella

o          “Il Principe Azzurro” di Iotatola, regia di Manuel Di Pisa e Igor Scalisi

o          “Padre Vostro” di Facce Scoperte Klan, regia di Donato Robustella

o          “Charlas” degli Honeybird E The Birdies, regia di Nicolò Cappuccilli

o          “Come Si Fa”    di Amelie, regia di Emilio Pastorino

o          “Storie” di Paolo Belli feat. Trio Medusa, regia di Vladan Radovic

o          “Salvataggio D’emergenza” di Pessimi Fattori, regia di Alex Giovannini

o          “Bull Shit” di     Le Braghe Corte, regia di Alex Scorza

o          “Non È Normale” dei Ridillo, regia di Roberto Baldassari

o          “I Wanna” dei The Metropolitans, regia di Tiziano Russo

o          “Ad Ogni Signorina”      di Shark Emcee, regia di Valerio Vestoso

o          “Gospel In Giugno” dei Granturismo, regia di Tobia Latino

o          “Lei” di Io Ho Sempre Voglia, regia di Gianvito Cofano

o          “J’aime Ca” di Bottega Glitzer, regia di Pierfrancesco Marinelli

o          “L’amorale” di The Zen Circus, regia di Roberto D’Ippolito e Dario Basile

o          “Grune Linie” dei Lemmings, regia di Luna Gualano

o          “You Make Me Nervous” dei Late Guest (At The Party) , regia di Andrea Zucchini

o          “Rosa” di Brunori Sas, regia di Giacomo Triglia

o          “Alla Fine” dei Riaffiora, regia di Saverio Luzzo

o          “Bambina Col Saltello” di Carlo Stanaut, regia di Francesco Tortorella e Marco Modafferi

o          “Smettere” di Paologatto, regia di Ermes Di Salvia

o          “People Express” dei Resina Sonora, regia di Giada Muci

o          “Heartless” degli Aucan, regia di Matteo Masali, Alessio Capra, Simone Gallo, Francesco Balzanelli (Schiroppo Fs)

o          “L’apparenza” di U’papun, regia di Enzo Piglionica

o          “Cronache Di Una Marionetta” dei Radiochimica, regia di Milan Kopasz

o          “Battle On Ice” dei Miss Fraulein, regia di Fabio Rao

o          “Desert Of December” dei The Lovely Savalas, regia di Christian Battiferro

o          “Haunted” dei Big Charlie, regia di Gianfranco Bonadies

o          “This Is Not A Test” dei Lapingra, regia di Stefano Lodovichi

o          “Roma Meticcia” degli Assalti Frontali, regia di Marcello Saurino

o          “Il Tempo Non È Sempre Magnifico” dei Lombroso, regia di Jacopo Rondinelli

o          “Mondo Tempesta – Videoclip Interattivo” dei Perturbazione, regia di Jacopo Rondinelli

o          “Midnight Revolution” degli A Toys Orchestra, regia di Jacopo Rondinelli

o          “Lion In The Morning Sun” dei Will And The People, regia di Dario Carrarini

o          “Universal Love” dei Krikka Reggae feat. Mama Marjas, regia di Giulia Caterina Massignan

o          “Apple Juice” dei Bricklane, regia di Mario Aloi

o          “Quello Che Ti Sembra” dei Gaben, regia di Marco Antonecchia

o          “Il Cielo” dei Facciascura, regia di Luca Pivetti

o          “Non Soddisfa” degli Useless Wooden Toys feat. Swim & Ghemon, regia di Lorenzo Del Bianco

o          “Cannonball” degli Xoc, regia di Lorenzo Del Bianco

o          “Cattivi Guagliuni” dei 99 Posse, regia di Abel Ferrara

o          “Scegli Me” dei Verdena, regia di Roberto Cinardi

o          “Bang Bang” di Tommy Vee, regia di Roberto Cinardi e Davide Tappero Merlo

o          “Back And Forth” dei Threesome, regia di Mattia Galione e Massimiliano Meregalli

o          “Peter & Clara” degli Aedi, regia di Davide Marchi e Marco Modafferi

o          “Don’t Love Me” di Teresa Mascianà, regia di Francesco Tortorella e Mardo Modafferi

o          “All We Ever Learned From Love” di Dazel (Davide Gelosa), regia di Claudio Gallinella

o          “Necrologie D’amour” dei Lambda, regia di Luca Lumaca

o          “I Nostri Corpi Celesti” di Le Luci Della Centrale Elettrica, regia di Luca Lumaca

o          “Tutti I Giorni” di Izio Sklero, regia di Mauro Russo

o          “Casa Mia” dei Sud Sound System, regia di Mauro Russo

o          “Own Rocket” dei Soupaczar, regia di Rino Stefano Tagliaferro

o          “Unica Cosa” dei Marta Sui Tubi, regia di Sergio Sgrilli e Beppe Incarbona

o          “The Garden Of Smiling Shadow” dei Roipnol Witch, regia di c999

o          “Karma Love” dei Roipnol Witch, regia di Stefano Poletti

o          “Dichiarazione” di Gue Pequeno, regia di Mauro Russo

o          “Good One” di Frida Selander, regia di Emanuela Gualersi

o          “Velleità” de I Cani, regia di Dandaddy

o          “Di Vino” dei Marta Sui Tubi, regia di Dandaddy

o          “Just A Call” dei Betzy, regia di Valerio Musilli

o          “Senza Fine” dei Laradura, regia di Leonardo Ferraro

o          “Water” dei Train To Roots, regia di Fabrizio Piras

o          “Il Colpo” di Nicolò Carnesi, regia di Manuel Di Pisa e Igor Scalisi Palminteri

o          “Mai Mai Mai” di Piotta, regia di Alessio Saglio, Davide Farra e Niccolò Celaia

o          “I.O.” di Kiave & Macro Marco, regia di Davide Marchi e Francesco Tortorella

o          “Orizzonti” di Riva Star Feat Sud Sound System, regia di Marco Missano

o          “Le Stelle Ci Cambieranno Pelle” di Marco Notari, regia di Marco Missano

o          “If My Brain Was A Program” degli Atari, regia di Beppe Blasi

o          “L’attesa” di Petramante, regia di Francesca Dragoni

o          “Immobile” dei Stikkereballa, regia di Riccardo Frati

o          “Dear Fear” dei Heike Has The Giggles, regia di Burlando, Panzera e Passaretti

o          “Dear Fear (Versione 2)” dei Heike Has The Giggles, regia di Martino e Barletta

o          “Kyoto Blues” di Perro Malo, regia di Marco Tassinari e Nicola Pedersoli

o          “Let There Be Light” di Belladonna Feat. Michael Nyman, regia di Serena Corvaglia

©

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019