Sanità campana, Pica: «Penalizzata ancora una volta la provincia di Salerno»

Infante viaggi

«Nella sanità campana siamo alle solite – così commenta la crisi della sanità in Campania il consigliere regionale Donato Pica – Il presidente Caldoro continua a intervenire a stralcio, modificando il decreto n. 49/2010 a proprio piacimento al di fuori di un discorso organico e complessivo e non tenendo in alcun conto le effettive esigenze degli altri territori. Evidentemente – continua – prevalgono le valutazioni di carattere politico e di collocazione geografica. Infatti, con decreto commissariale n. 72 del 20/06/2013, il presidio ospedaliero S. Maria della Pietà di Casoria (NA) è stato inserito nel II livello della rete dell’emergenza».

  • assicurazioni assitur

«A questo punto, sarebbe interessante conoscere il parere del ministero della Salute che su precedenti analoghi casi non ha interferito e che invece farebbe bene ad avviare una verifica generale sullo stato di attuazione del Piano di rientro in Regione Campania. Come opposizione – dichiara ancora Donato Pica – ribadiamo con forza la richiesta di una seduta monotematica del consiglio Regionale sulle effettive modifiche da apportare al decreto n. 49/2010 che a tre anni dalla sua emanazione non corrisponde più alla realtà dei fatti ed alle necessità assistenziali dei cittadini. Sono comunque evidenti – conclude – le disparità di trattamento, nel momento in cui non si riesce ad avere un riscontro alle segnalazioni riguardanti la Provincia di Salerno ed alla rete dell’emergenza con particolare riferimento agli ospedali di Agropoli, Roccadaspide e Scafati e al presidio della costiera Amalfitana».

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur