Un lettore: «Ecco le mie peripezie nel Cilento per una multa non pagata»

Rinnovo del passaporto bloccato per una multa del 1999 non pagata. E’ quanto successo a un cilentano, ormai da anni lontano da Palinuro, che ha scritto alla redazione del Giornale del Cilento per raccontare la sua disavventura. «A metà giugno vado in questura a Verona per richiedere il rinnovo del passaporto. Tutto regolare, mi danno appuntamento per il due luglio. Quando ritorno, mi dicono che dovrò ritornare il 25 perchè erano necessari dei controlli. Fin qui tutto normale – spiega il lettore, Francesco Raimondo – e nel frattempo prenoto il biglietto per il mio viaggio in Russia. Al secondo appuntamento in questura vengo accompagnato dal comandante che mi spiega che non possono rilasciarmi il passaporto per motivi di ‘spese di giustizia non pagate’ e mi mostra la richiesta fatta ai tribunali di Verona e Vallo della Lucania».

«I problemi – spiega il lettore – arrivano quando mi dicono di rivolgermi a Equitalia nord. L’ispettore capo mi da le somme da pagare, e cioè quella di Verona che risale al 2009, mentre quella del tribunale di Vallo non c’è perché dal Cilento non rispondono alla loro richiesta. A questo punto – continua il lettore – vado negli uffici Equitalia sperando in una rapida soluzione. Ma anche qui faccio un buco nell’acqua perché mi dicono che in archivio la tassa non c’è e l’unica alternativa è quella di rivolgermi direttamente al tribunale di Vallo».

La matassa a quanto pare non si sbroglia perché si tratta di un’ammenda della vecchia pretura di Pisciotta, con sentenza di febbraio 1999 e della somma di 309, 87 euro. «Allora mi armo di santa pazienza – continua il lettore – e inizio a telefonare alla signora Elvira Greco al tribunale di Vallo, che mi tranquillizza dicendomi che in pochi giorni sarebbe stato risolto tutto. Ma di giorni ne passano dieci e non si è risolto nulla. Allora riprovo a chiamare e scopro che la signora è in ferie e che fino al suo ritorno (fine agosto) non c’è modo di risolvere la questione. Tra l’altro dal centralino mi dicono pure: ‘Cosa vuole il 10 di agosto?’. Intanto devo partire e decido quindi di scendere in Cilento per accelerare i tempi anche se dal tribunale di Vallo mi dicono che non risolvo nulla fino al ritorno della Greco. Insomma: nel 2014 mi tocca fare 1800 chilometri per pagare una multa».

©Riproduzione riservata