Villammare Film Festival. Dal 24 al 27 agosto la sfida che prioietta il Cilento nel cinema

Si accende la gara tra i cortometraggi partecipanti alla decima edizione del Villammare Film Festival.

Sono stati selezionati i dodici che approderanno nelle 4 sere della kermesse  organizzata dall’Associazione Villammare Film Festival – Golfo di Policastro e da 105 tv, emittente cilentana, con il Patrocinio del Comune di Vibonati.
 
Dal 24 al 27 agosto si daranno battaglia in diretta tv e in piazza Portosalvo a Villammare.
 
Come ogni anno spaziano tra diversi generi dal cartoon al drammatico, dal sentimentale a quello umoristico.
 
A far propendere la direzione artistica del Festival per la scelta tra i circa cento pervenuti l’attualità delle tematiche, l’originalità delle idee e la qualità tecnica.
 
Si passa così da “Dulce”, cortometraggio spagnolo di Ivan Ruiz Flores che tratta un tema difficile con una delicatezza da fiaba, a “Gamba Trista” di Francesco Filippi, cartoon che invita alla sensibilità sociale con la storia di un bimbo pronto a spiccare il volo.
 
C’è poi il film di tensione “La Colpa” di Francesco Prisco con un’intensa interpretazione di Giammarco Tognazzi, lo short “Tiro A Vuoto” di Roberto Zazzara, selezionato gia’ ai Nastri D’argento 2011 dove due modi di vivere l’adolescenza, uno teso alla violenza, l’altro all’amicizia, si scontrano.

Il film “Le Meraviglie Del Mondo” di Nicola Palmeri cozza in maniera ironica con la cruda realtà delle grandi opere: il ponte sullo stretto e la Tav, “In My Prison” di Alessandro Grande ben rappresenta i desideri di evasione dell’uomo, “Il Garibaldi Senza Barba” di Nicola Piovesan mette in scena una scombinata combriccola di anziani per compiere il colpo del secolo con grande humour.
 
Torna al Festival anche uno dei vincitori delle precedenti edizioni, lo spagnolo David Casals-Roma che, con “Cucina Casalinga” racconta due solitudini che si incontrano; si va tra i Sassi di Matera con “Stand By Me” di Giuseppe Marco Albano che grottescamente rappresenta il nuovo business legato alla morte.

C’è  ancora l’incalzante “Il Cane” di Andrea Zaccariello, e il realistico “Questo E’ Un Paese Per Vecchi” di Paolo Scarlato.

Infine rientra nella rosa dei 12 anche un corto di un autore saprese Gennaro Falabella che, con il suo “Una Vita Normale” se la dovrà vedere con dei titani.

Piacevole, dal tema non facile e abbellito da paesaggi mozzafiato è il primo di un regista locale ad entrare in concorso.
 
Il Villammare Film Festival così celebra la sua decima edizione mostrando l’entusiasmo e la passione per il cinema  diffusi in tutto questo tempo tra i giovani del posto e i risultati ottenuti aprendo loro nuove opportunità.