Cilento, abusi edilizi scoperti grazie a Google Earth: 7 nei guai

Sette persone sono finite nei guai e sono state denunciate alla procura del tribunale di Salerno per abusivismo edilizio. La polizia locale di Capaccio ha scoperto attività e cementificazioni illecite, alcune portate a termine e altre ancora in corso, che interesserebbero due aziende zootecniche in località Stregara e un’abitazione privata. Il Comune ha emesso un’ordinanza di abbattimento. La prima azienda, secondo gli accertamenti degli inquirenti, avrebbe realizzato tre strutture in acciaio con copertura, un manufatto in muratura adibito ad ufficio, quattro paddock scoperti, una struttura in muratura, una in muratura ed acciaio, una in ferro, diverse tettoie, due vasche raccolta liquami e due vasche silo per mais. Le opere abusive sono state costruite in una area particolare sottoposta a speciali vincoloi paesaggistici e ora dovranno essere demolite entro tre mesi. Le opere abusive della seconda azienda zootecnica riguardano un fabbricato adibito ad abitazione di 85 metri quadrati, tre strutture in acciaio, due tettoie, un container, tre paddock coperti realizzati con struttura di acciaio e sovrastante telo in pvc e una vasca silo e sul lato nord dell’impianto zootecnico e una vasca liquami. Anche in questo caso è scattato l’ordine di demolizione. Un’altra ordinanza di abbattimento, l’ultima in questa operazione condotta dalla municipale con l’aiuto di sofisticate strumentazioni tecnologiche, riguarda un manufatto abusivo destinato a civile abitazione in località Licinella, scoperto grazie all’acquisizione delle immagini storiche da Google Earth che hanno consentito di accertare che in data 20 novembre 2011, l’opera non era esistente. Al momento del sopralluogo effettuato dalla polizia locale l’opera è risultata ultimata e abitata. Denunciato anche in questo caso il proprietario.

©Riproduzione riservata