Paestum, riapre l’antico sentiero degli Argonauti (FOTO)

Un suggestivo percorso, immerso tra storia e natura. Una promenade, accessibile a tutti, che consente di riapprezzare l’antico e fondamentale rapporto tra la città e il mare fino ad oggi perduto.  È questo, in sintesi, il senso dell’intervento realizzato a Paestum, la colonia greca del settimo secolo avanti Cristo in provincia di Salerno, dal gruppo Unipol e da Legambiente nell’ambito di ‘Bellezza Italia’. Il sentiero degli Argonauti è stato presentato martedì mattina a Paestum da Rossella Muroni, direttrice generale Legambiente, Italo Voza, sindaco di Capaccio-Paestum, Pasquale Longo, presidente Legambiente Paestum e Valentina Del Pizzo, archeologa di Legambiente. Un intervento realizzato di concerto con la Soprintendenza archeologica delle province di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta, il museo archeologico nazionale di Paestum e il Comune. Nel corso della presentazione è stata organizzata una passeggiata lungo il sentiero – che termina all’oasi gestita da Legambiente – cui hanno preso parte anche diverse scolaresche del territorio. 

«La realizzazione del sentiero degli Argonauti – ha dichiarato la direttrice generale di Legambiente Rossella Muroni – ha consentito di porre le basi per una pianificazione partecipata e condivisa con gli enti locali per la tutela, gestione e valorizzazione dell’area archeologica di Paestum offrendo alle centinaia di migliaia di visitatori in visita a Paestum un esempio tangibile di proposta di fruizione alternativa, sostenibile e inclusiva, che valorizza l’esistente, annulla gli interventi invasivi ed è accessibile a tutti. Individuare, tutelare e creare nuova bellezza è la chiave per immaginare un futuro oltre la crisi è il nostro obiettivo prioritario che, grazie all’intesa con Unipol, potrà realizzarsi ora anche in altre zone d’Italia. Perché questo diventi realtà è necessario però non solo investire risorse per contrastare il degrado, l’abbandono, il consumo insensato del territorio. La vera sfida, così com’è avvenuto a Paestum, è ricostruire il concetto di bene comune, l’orgoglio dell’appartenenza e della partecipazione alla vita collettiva»

«Per Unipol questo è il primo intervento, speriamo, di un modo di operare che ci vedrà a fianco di Legambiente in numerose altre esperienze – ha affermato Maria Luisa Parmigiani, responsabile sostenibilità del Gruppo Unipol -. Il circolo e gli interlocutori istituzionali del territorio sono stati molto bravi a concretizzare la nostra intenzione di dar nuova vita a questo bellissimo posto. Adesso però sta soprattutto a chi abita questo territorio, ai ragazzi, agli operatori turistici, far sì che questo intervento sia davvero un successo, fruendolo, rendendolo vivo ogni giorno e, appunto, facendone non solo un bene ma soprattutto un’esperienza comune».

Per cercare di restituire la percezione dell’originaria estensione territoriale della città-stato greca, sorta nei pressi della foce del fiume Sele e direttamente sul mare, è stato realizzato un percorso, con accessibilità per i diversamente abili, che potrà finalmente collegare il decumano principale della città, passando attraverso Porta Marina, con la spiaggia della città antica. Lungo l’intero sentiero sono state realizzate quattro stazioni della conoscenza, dedicate all’informazione e alla scoperta degli elementi ambientali presenti nell’area. Inoltre, al termine del percorso, una passerella in legno consente l’attraversamento della duna anche ai disabili muniti di sedia a rotelle. Nel corso di quest’estate sono già stati migliaia i visitatori che hanno attraversato il percorso, pedonale e ciclabile, consentendo ai tanti turisti in visita presso la colonia greca di poter agevolmente accedere da Porta Marina, uno degli ingressi monumentali della città e tra i pochi esemplari di architettura militare di quinto secolo avanti Cristo, al mare, attraverso l’oasi dunale ‘Torre di mare’ gestita da Legambiente. Un intervento che ha consentito, infine, di iniziare a realizzare gradualmente le istanze contenute nella campagna di Legambiente paestumanità, in corso dal marzo 2012, dando un concreto contributo all’ampliamento della fruizione dell’area archeologica di Paestum quale ulteriore tassello per la realizzazione del parco archeologico diffuso di Paestum.

©Riproduzione riservata