• Home
  • Cultura
  • Nasce la Consulta delle Associazioni Teatrali del Vallo di Diano

Nasce la Consulta delle Associazioni Teatrali del Vallo di Diano

di Giuseppe Galato

La Comunità Montana Vallo di Diano, pur immersa nelle numerose difficoltà che riguardano l’Ente, il suo futuro e soprattutto la sorte dei dipendenti e degli operai, promuove una costante e attiva azione sul territorio tentando di non tralasciare nessuna iniziativa ritenuta utile e di sviluppo per le persone del territorio valdianese.

Con questa finalità, e grazie all’impegno di diverse persone che hanno creduto nell’iniziativa, prende il via la “Consulta delle Associazioni Teatrali” che mira a fornire un luogo fisico e utopico in cui possa verificarsi un sano scambio di vedute e una possibilità di collaborazione per tutte quelle realtà associative che si occupano di teatro.

L’iniziativa nasce anche a seguito di un protocollo d’intesa tra l’Ente montano e il comune di Sassano, il quale mette a disposizione la struttura polifunzionale adiacente al laghetto di Silla per lo svolgimento di alcune attività.

Nei giorni scorsi sono state convocate tutte le associazioni teatrali del territorio e i loro rappresentanti hanno apprezzato l’iniziativa che l’Ente ha avviato per la nascita della Consulta, a detta di molti presenti, uno strumento che già in passato si è tentato di costruire con poco successo.

“Il rammarico dell’Ente, ha aggiunto il presidente Accetta, è che in questa fase di enorme difficoltà non si è potuto assumere nessun impegno economico per organizzare meglio delle iniziative e dei progetti utili alla consulta e alle sue attività, ma abbiamo intanto avviato un processo virtuoso anche grazie all’impegno di alcuni operatori del settore”.

Sabato mattina prossimo, 22 ottobre, alle ore 11 presso la struttura polifunzionale a Silla di Sassano sarà presentato alla stampa il progetto della Consulta ed una delle prime attività, un Laboratorio sperimentale di arti sceniche che comincerà a novembre e terminerà a maggio. Un primo tentativo per offrire agli eventuali allievi un percorso professionalizzante, capace di mettere in dialogo realtà del territorio che talvolta nemmeno si conoscono. “La consulta è un metodo, conclude Accetta, che deve farci ragionare sui possibili strumenti utili alla risoluzione delle crisi. Non da soli, ma stando insieme si possono individuare le soluzioni migliori”.

EVENTO FACEBOOK

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019