Un suicidio dopo l’altro: donna si impicca e anziano si butta nel pozzo

Il paese di Colliano, alle porte del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, è sotto choc. Nel piccolo comune dell’alta valle del Sele si sono registrati due suicidi in meno di 48 ore. Si tratta di due anziani che hanno deciso di farla finita. Due giorni fa, in un casolare in un terreno lontano dal centro abitato, un pensionata di 70 anni si è tolta la vita impiccandosi ad una trave del fabbricato. All’interno del rifugio in pietra, erano custoditi arnesi e attrezzi da lavoro. Quando alcuni passanti sono capitati da quelle parti, hanno visto il corpo a penzoloni e hanno deciso di allertare i carabinieri della compagnia di Eboli. Gli uomini del capitano Alessandro Cisternino avevano già in consegna una denuncia di scomparsa della donna. Il medico legale ha accertato il suicidio. Alla base del gesto motivi non noti a chi indaga.

Chiuso il primo caso, i carabinieri si sono trovati di fronte ad un secondo e analogo episodio. Il corpo di un anziano di 89 anni è stato ritrovato in fondo ad un pozzo tra fango e melma in un terreno alla periferia di Colliano. Sono dovuti intervenire i vigili del fuoco del distaccamento di Eboli che hanno impiegato quasi 5 ore per estrarre il cadavere dalla cavità. L’89enne non era rientrato a casa e la famiglia aveva denunciato la scomparsa. Le ricerche dei carabinieri non avevano prodotto esiti positivi fin quando si è deciso di ispezionare il pozzo per l’irrigazione. L’uomo aveva i piedi legati l’uno all’altro. Per il medico legale anche in questo caso si tratta di suicidio.

©Riproduzione riservata