Tutti in piazza contro il degrado urbano e rurale, dal 26 settembre torna ‘Puliamo il mondo’

Inizia la settimana di’ Puliamo il mondo’, la più grande giornata internazionale di volontariato ambientale targata Legambiente in collaborazione con la Rai. In Campania 150 comuni aderenti e più di 250 le aree che saranno ripulite  con il primato per la provincia di Salerno con oltre 70 comuni aderenti e più di 150 le aree che saranno ripulite dai volontari che da venerdì 26 a domenica 28 settembre si mobiliteranno contro il degrado urbano e rurale per una Campania Sostenibile. Da Salerno a Paestum, dal parco nazionale del del Cilento e Valle di Diano e Alburni, da Pioppi al litorale ebolitano centinaia di migliaia di cittadini scenderanno in piazza per recuperare aree degradate, per restituire alla pubblica fruizione zone abbandonate. Tutti in piazza per raccogliere rifiuti di ogni genere, non solo cartacce e bottiglie di plastica, ma persino pneumatici buttati sul ciglio della strada per rilanciare la Campania sostenibile.

In Campania in prima fila quest’anno le aziende della green economy, tra le quali Ecoem (Consorzio la gestione dei Raee), Sabox, Sada, Cartesar, la rete delle aziende della carta ‘100& Campania’ e quelle in prima fila nella produzione agricola di qualità: Rago Group, Terra Orti, Alma Seges e Green Campania. Nel week-end dal 26 al 28 settembre, a testimoniare l’attenzione sempre crescente da parte delle imprese per l’ambiente, in prima fila, armati di guanti e ramazza, ci saranno anche i dipendenti che saranno a stretto contatto con le comunità locali, i comuni e le associazioni per una Campania sostenibile. Protagonista il parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni: saranno distribuiti, anche quest’anno, agli alunni ed ai gruppi di volontari oltre 2500 kit di Legambiente per consolidare e sedimentare i loro comportamenti consapevoli, sempre più improntati al rigoroso rispetto della natura e dell’ambiente e soprattutto, per proseguire nell’importante azione di sensibilizzazione delle comunità locali. Gli interventi riguarderanno la pulizia di sentieri ed aree ricreative, fondali marini, spiagge e corsi d’acqua, boschi.

«Bellezza e partecipazione sono il binomio vincente di Puliamo il mondo – ha commentato Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania- da una parte la bellezza del nostro paese , un dei più amati e visitati al mondo spesso sfregiato dall’incuria e dai rifiuti; dall’altra l’impegno attivo di tanti cittadini che vogliono rendere più belle e vivibili le città della nostra regione. Puliamo il mondo va proprio in questa direzione: coinvolgere i cittadini in azioni concrete a favore dell’ambiente e diffondere la pratica della raccolta differenziata e del riciclo significa contribuire ad un virtuosismo che fa bene al Paese e che dà slancio alla Green Economy».

Contro il degrado urbano Legambiente in questa edizione di ‘Puliamo il mondo’ punta alla valorizzazione e promozione dell’agricoltura come un prezioso alleato per affrontare le grave crisi ambientale e creare un’economia sostenibile. Coltiviamo il cambiamento attraverso l’agricoltura biologica, l’agricoltura sociale , e in genere le mille forme di agricoltura legate alle vocazioni dei territori. In collaborazione con le associazioni di categorie in tutta la regione si svolgeranno iniziative per ridisegnare l’immagine delle città attraverso gli orti urbani, non solo per restituire il verde ai centri urbani, ma anche per produrre cibi sani e di qualità. Cilento protagonista: a Pioppi domenica 28 settembre sub in acqua per la pulizia dei fondali della scogliera davanti al Museo del mare e successiva visita per turisti e cittadini.