• Home
  • Cronaca
  • Palinuro, è morto l’anziano caduto dal tetto: procura apre inchiesta sul caso

Palinuro, è morto l’anziano caduto dal tetto: procura apre inchiesta sul caso

di Luigi Martino

Il cuore di Vincenzo Rinaldi ha smesso di battere nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale ‘San Luca’ di Vallo della Lucania. L’anziano di 82 anni è stato ricoverato d’urgenza lunedì sera dopo che è scivolato giù dal tetto di un casolare in lamiera ubicato nel suo terreno. Inutile la corsa al nosocomio vallese, l’anziano di Palinuro è morto dopo poco più di 24 ore.

Il fatto L’uomo era sul tetto quando con il flex ha commesso un errore e si è tagliato al braccio. Vincenzo Rinaldi ha perso i sensi ed è scivolato giù. Un volo di circa due metri. L’impatto con il terreno è stato molto violento. I vicini hanno avvertito il tonfo e sono scesi giù. Vincenzo era in una pozza di sangue con una ferita grande sul braccio sinistro.

La corsa all’ospedale Sul posto è giunta un’ambulanza del 118 che ha trasportato l’anziano all’ospedale di Vallo della Lucania. Intanto nel terreno in località San Paolo sono arrivati anche i carabinieri per effettuare i rilievi del caso. Una volta arrivato all’ospedale, Vincenzo è stato sottoposto ad una serie di esami e i sanitari nel nosocomio vallese gli hanno apportato le prime cure alle ferite sparse su tutto il corpo e anche sulla testa.

La dinamica L’incidente è stato ricostruito nei particolari dalle forze dell’ordine, ma c’è chi vuole vederci in maniera chiara. Dopo il decesso di Vincenzo Rinaldi è stata aperta un’inchiesta per accertare con precisione la dinamica del pomeriggio di lunedì. La salma è stata già restituita alla famiglia Rinaldi dopo l’esame esterno effettuato dal medico legale Adamo Maiese.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019