Caso Poste, sospesa fino al 10 dicembre la chiusura dei 45 uffici cilentani (FOTO)

Infante viaggi

Sospesa fino al 10 dicembre la chiusura dei 45 uffici postali cilentani e valdianesi che doveva essere attuata da lunedì. E’ questa la decisione che è stata fatta pervenire da Poste Italiane ai sindaci che proprio ieri, giovedì 22 novembre,  avevano tenuto un consiglio intercomunale a Gioi per decidere come muoversi per contrastare il provvedimento di chiusura e che stamattina, alle 11.00, si dovevano vedere con il Prefetto di Salerno Gerarda Maria Pantalone. «La decisione di sospendere il provvedimento – ha fatto sapere il consigliere regionale Gianfranco Valiante che tanto si è speso per la causa – mi è stata comunicata stamattina dai vertici aziendali di Napoli. Per ora gli uffici postali restano aperti fino al 10 dicembre e questo è un passo in avanti significativo perché i cittadini possono andare come di consuetudine a pagare la pensione di dicembre e la tredicesima senza alcun cambiamento improvviso. Quando si lavora coesi – ha aggiunto Valiante – si riescono a raggiungere risultati significativi».

Nel frattempo è stato riconvocato l’incontro in Prefettura per il prossimo 30 novembre. In quell’occasione davanti al Prefetto si incontreranno i sindaci e i vertici di Poste Italiane per aprire un tavolo di concertazione. «La sospensiva del provvedimento è quello che avevamo richiesto come primo punto nel documento poiché la decisione di chiusura era stata calata dall’alto senza avvertirci. Ora inizia una nuova fase – ha affermato Andrea Salati sindaco di Gioi e promotore del Comitato di Vigilanza sulla questione – che ci deve vedere protagonisti per salvaguardare un bene essenziale per le nostre comunità già tanto penalizzate. Un dato emerge da questa vicenda – ha concluso – ed è quello che quando ci muoviamo insieme riusciamo a essere incisivi».

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur