• Home
  • Cultura
  • “Giornate Europee del Patrimonio”. Una Due Giorni in nome della Cultura

“Giornate Europee del Patrimonio”. Una Due Giorni in nome della Cultura

di Lucia Cariello

Il 24 e 25 settembre si celebrano le Giornate Europee del Patrimonio, ideate nel 1991 dal Consiglio d’Europa per potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra i Paesi europei.

Il MiBAC (Ministero per i Beni e le Attività Culturali), come ogni anno, partecipa all’evento e organizza sull’intero territorio nazionale iniziative tese a valorizzare e mettere in evidenza i contenuti della cultura e del Patrimonio italiano, con l’obiettivo di condividere con altri Paesi europei le comuni radici continentali.

Per l’occasione saranno aperti al pubblico gratuitamente i luoghi della cultura che comprendono il patrimonio archeologico, artistico e storico, architettonico, archivistico e librario, cinematografico, teatrale e musicale.

La Soprintendenza ha organizzato le seguenti iniziative:

Dialoghi sul Paesaggio

PADULA

La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e Avellino e l’Osservatorio Europeo del Paesaggio di Arco Latino coorganizzano la 4° edizione della Summer school dal tema Dialoghi sul Paesaggio, dedicata alla formazione e alle nuove professioni per l’ambiente e il paesaggio.

Il paesaggio svolge importanti funzioni di interesse generale, sul piano culturale, ecologico, ambientale e sociale e
costituisce una risorsa favorevole all’attività economica, se salvaguardato, gestito e pianificato in modo
adeguato, può contribuire alla creazione di posti di lavoro.

Data Inizio: 23 settembre

Data Fine: 25 settembre

Luogo: Padula, Certosa di San Lorenzo

Orario: 9.00 – 19.00

Telefono: 0975 77745

Per informazioni 089 318131 – 338 6174637

Fax: 0975 77745

E-mail: giovanni.villani@beniculturali.it


Quando il piano di comunicazione dà voce ai cittadini

PADULA

La direzione generale per la Valorizzazione del MiBAC, riconoscendo la centralità del visitatore e la necessità che egli usufruisca del Patrimonio Culturale nel miglior modo possibile, ha finanziato parte del Piano di Comunicazione 2010 Miglioramento della qualità dell’offerta dei servizi culturali della Certosa di San Lorenzo – Padula realizzato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e Avellino.

Il progetto, nato a seguito di un’ indagine di customer satisfaction, consiste nel migliorare la comunicazione dei percorsi di visita con la realizzazione – in italiano e in inglese – di segnaletica e didascalie, di un opuscolo e di dépliant informativi.

Sono stati realizzati anche una brochure e un giornalino destinati ai ragazzi .

Per soddisfare le richieste dei visitatori, con i fondi del progetto, è stato finanziato anche l’acquisto di nuove panche.

Data Inizio: 24 settembre

Data Fine: 24 settembre

Luogo: Padula, Certosa di San Lorenzo

Orario: 12.00

Telefono: 0975 77745

Per informazioni 089 2573245

Fax: 0975 77745

E-mail: stefania.ugatti@beniculturali.it;

eufemiaanna.baratta@beniculturali.it

Periodici del 1861

PADULA

Continua, dopo il successo di critica e pubblico, l’esposizione della raccolta di periodici dell’anno 1861, conservata nella Certosa di San Lorenzo a Padula. La stessa si avvantaggia della recente possibilità di sfogliare e leggere le pagine di almeno dieci numeri dei giornali esposti, grazie al lavoro di digitalizzazione, a cura del Comune di Padula.

Le immagini digitali sono poi state riprodotte su carta, mirando alla conservazione del formato originale degli stessi giornali: tre numeri de L’Aurora (9, 12 e 16 Gennaio 1861) e sette de L’Unità Cattolica (20 Febbr., 13 Marzo, 3 Aprile, 25 Maggio, 8 e 22 Giugno, 22 e 13 Luglio1861).

L’esame delle pagine interne di questi periodici consente ai visitatori nuovi spunti di indagine e riflessione circa gli argomenti trattati: i recenti sviluppi della politica italiana, i rapporti fra gli Stati, le tensioni interne, la cronaca degli avvenimenti nazionale e locali, legata, soprattutto, alla criticità dei rapporti fra Stato e Chiesa e all’ansia per la conservazione delle Corporazioni religiose.

Il timore per l’imminente soppressione degli Ordini religiosi, auspicata dal neonato Governo italiano è, inoltre, ampiamente palesato nell’opuscolo a stampa, rinvenuto anch’esso tra il materiale librario sopravvissuto in Certosa, dal titolo: Memoria a pro della conservazione degli Ordini Religiosi.

Nel libretto, senza note tipografiche, ma chiaramente pubblicato dopo il 1860, l’anonimo autore si rivolge ai nuovi
Rappresentanti della Nazione per invitarli a riflettere sia sull’importanza della Religione Cattolica Apostolica, sia sull’opera meritoria da sempre svolta dalle Congregazioni Religiose in Italia.

L’amarezza dell’autore circa la scarsa considerazione loro riservata da parte dello Stato liberale è tutta riassunta nella
nota n. 1, posta in calce alla prima pagina del testo che, in latino, riporta il contenuto del Salmo 78: “Siamo divenuti il disprezzo dei nostri vicini, lo scherno e la derisione di chi ci sta intorno “.

L’iniziativa è curata dalla dott.ssa Eufemia Baratta.

Data Inizio: 24 settembre

Data Fine: 25 settembre

Luogo: Padula, Certosa di San Lorenzo

Orario: 9.00/19.00

Telefono: 0975 77745

Fax: 0975 77745

E-mail: eufemiaanna.baratta@beniculturali.it

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019