Camerota, pesce spada sottomisura: preso un pescatore

Infante viaggi

E’ stato identificato in seguito al ritrovamento del pescato, dai marinai della capitaneria di porto di Marina di Camerota, il pescatore di frodo che ha catturato pesci spada e tonni rossi sottomisura. L’attività della guardia costiera di Camerota agli ordini del maresciallo Gerardo Ruocco e del capitano Amleto Tarani continua, coordinata dall’ufficio circondariale marittimo di Palinuro presieduto dal comandante Saverio Coco. I guardiacoste dopo vari appostamenti e incroci di dati, hanno fermato un altro carico di pesce illegale. L’operazione rientra nell’attività di contrasto alla pesca degli esemplari sottomisura. Infatti la normativa prevede che i tonni non possono essere pescati al di sotto dei 30 chili di peso e dei 115 centimetri di lunghezza. Per quanto riguarda i pesci spada, invece, la normativa vieta la pesca dell’esemplare dal primo giorno di ottobre all’ultimo di novembre e l’esemplare deve superare i 140 centimetri di lunghezza.

Entrambi le normative, sia per un esemplare che per l’altro, non sono state rispettate da un pescatore di Marina di Camerota. I marinai hanno ritrovato il pescato sul porto composto da 7 esemplari di pesce spada e uno di tonno rosso, tutti sottomisura. Il pesce è stato sequestrato e poi devoluto agli istituti di beneficenza. Il pescatore è stato rintracciato subito dopo. L’uomo è stato denunciato alla procura della Repubblica di Vallo della Lucania e dovrà pagare una multa di mille euro.

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro