• Home
  • Cronaca
  • Svolta storica in 29 Comuni del Cilento, il metano approda in 29 comuni

Svolta storica in 29 Comuni del Cilento, il metano approda in 29 comuni

di Federico Martino

A Sapri l’accensione simbolica della prima fiammella per un simbolico addio alle bombole del gas, in 29 comuni del Cilento arriva il metano. Evento previsto alle 18 nella piazza della Villa Comunale. Ma la metanizzazione rientra in un progetto di più ampio respiro che riguarda anche Celle di Bulgheria, Alfano, Ascea, Camerota, Cannalonga, Casaletto Spartano, Casalvelino, Caselle in Pittari, Castelnuovo Cilento, Centola, Futani, Gioi, Ispani, Laurito, Montano Antilia, Morigerati, Novi Velia, Perito, Pisciotta, Roccagloriosa, Rofrano, San Giovanni A Piro, San Mauro La Bruca, Sessa Cilento, Stella Cilento, Torre Orsaia, Tortorella, Vibonati. Un investimento pari a circa cento milioni di euro per la posa di cinquecento chilometri di rete reso possibile attraverso una compartecipazione di capitali pubblici e privati. La trasformazione a metano dell’impianto cittadino di distribuzione del gas è stata resa possibile grazie all’accordo siglato fra il Comune di Sapri e la Cilento Reti Gas Srl, alla quale è stata assegnata la concessione per la progettazione, la costruzione della rete e la distribuzione del gas naturale nel territorio comunale.

La Cilento Reti Gas è partecipata al 60% da Gas Natural Distribuzione Italia Spa che si occuperà della gestione dell’impianto e al 40% dalla Bonatti Spa che invece si occupa della progettazione e costruzione dell’opera. «La possibilità di dire addio al gpl per passare alla fonte di energia più sostenibile tra quelle di origine fossile, segna un momento molto importante per la città di Sapri e avrà conseguenze molto positive sull’intera economia locale, sull’ambiente e sulla qualità globale della vita dei cittadini», afferma Leonardo Rinaldi di Gas Natural Distribuzione Italia. «La metanizzazione di Sapri” prosegue Rinaldi «è il risultato di un sforzo congiunto di diversi operatori privati e istituzionali, che consentirà di distribuire il metano a circa duemilanuove famiglie». Tutto ciò rappresenta un’occasione di ulteriore valorizzazione del territorio: oltre a consentire un notevole risparmio economico, rendere disponibile il gas metano significa contribuire maggiormente alla sicurezza degli impianti e alla tutela dell’ambiente.

 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019