• Home
  • Cronaca
  • Anziano di Monteforte Cilento muore in ospedale colpito da una porta scorrevole: indaga la procura

Anziano di Monteforte Cilento muore in ospedale colpito da una porta scorrevole: indaga la procura

di Luigi Martino

E’ una storia con molti punti ancora da chiarire e per questo la procura della Repubblica del tribunale di Vallo della Lucania ha aperto un fascicolo sulla morte di Carmine Tesoniero per fare chiarezza sulla vicenda. L’anziano, 87 anni l’età precisa, è deceduto inseguito ad un incidente avvenuto in una delle corsie dell’ospedale di Campolongo. Tragica fatalità o la responsabilità è di qualcuno? A queste ed altre domande cercano di trovare risposta gli 007 della procura cilentana.

Il fatto Era la fine del mese di novembre quando Tesoniero raggiunge da Monteforte Cilento, suo paese di origine, il presidio salernitano di Campolongo. Dal parcheggio l’anziano raggiunge la porta d’ingresso in vetro scorrevole. Qui avviene l’incidente. Senza un motivo ben preciso, e questo è uno degli aspetti principali al vaglio degli inquirenti, la porta della struttura sanitaria di Eboli lo colpisce violentemente alla testa. L’anziano cade e viene soccorso dai sanitari in servizio.

Trasferimento L’87enne cilentano nell’impatto riporta un grave trauma cranico. I medici decidono di trasferirlo all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. Qui viene ricoverato al reparto di Neurochirurgia. La situazione peggiore, il bollettino non è rassicurante. C’è una complicazione: emorragia alla scatola cranica. I medici sottopongono il malcapitato a vari tipi di cure. L’uomo resta al San Luca per quattro settimane quando poi un giorno ha smesso di vivere.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019